Le famiglie dell'ex Distretto Militare tirano fuori le carte e smontano le tesi del Comune: "Ecco i fatti''

Le motivazioni del Comune non convincono le famiglie dei locali di via Fuiani: "Il trasferimento della struttura non era subordinato ad alcuna finalità pubblico istituzionale, vincolo di poi impresso con delibera consiliare"

Alle famiglie dell'ex Distretto Militare, la posizione assunta dal Comune di Foggia in merito alla destinazione futura dei locali di via Fuiani non piace e non convince. 

In particolar modo, non convincono le motivazioni a sostegno di tale posizione: "Vogliamo fare ordine in merito ad una vicenda sulla quale molte inesattezze sono state riportate", spiegano in una nota stampa le famiglie dell'ex Distretto Militare. E per parlo, ripercorrono brevemente una storia lunga ormai 7 anni.

LEGGI ANCHE: DIKTAT DEL COMUNE: "MAI PIU' PER USI ABITATIVI"

"In data 19.11.1999 l'allora sindaco di Foggia Agostinacchio intimava lo sgombero del palazzo ex Scivar di viale Fortore, dove risiedevano gran parti di quelli che oggi vengono definiti occupanti dell'ex distretto militare. Conseguentemente, il Comune di Foggia, con verbale di consegna del 22.11.1999 riceveva la ridetta struttura militare dal Ministero della Difesa per far fronte alle sopravvenute ed urgenti necessità di procedere alla sistemazione alloggiativa dei numerosi nuclei familiari destinatari dei provvedimenti di sgombero".

"Va precisato che alcun termine è indicato in detto verbale in ordine alla disponibilità concessa per l'uso della relativa struttura, ma la durata della consegna venne  individuata sino al perdurare dell'emergenza abitativa, e ciò in palese contraddizione con quanto riportato nel comunicato del Comune di Foggia".

Si legge ancora: "Altresì, va fatto rilevare che l'acquisizione del Comune di Foggia da parte del Demanio della struttura ex distretto militare è avvenuta ai sensi dell'art. 56 bis Legge 98/2013 che al co. 5 recita quanto segue:  5. Nei provvedimenti di cui ai commi 2 e 3 si prevede che, trascorsi tre anni dal trasferimento, qualora all’esito di apposito monitoraggio effettuato dall’Agenzia del demanio l’ente territoriale non risulti utilizzare i beni trasferiti, gli stessi rientrino nella proprietà dello Stato, che ne assicura la migliore utilizzazione". Quindi il trasferimento della struttura ex distretto militare "non era subordinata ad alcuna finalità pubblico istituzionale, vincolo di poi impresso con successiva delibera consiliare del 20.03.2015 del Comune di Foggia come riportato nel comunicato del Comune di Foggia". 

"Una considerazione sorge a tal proposito è che non è dato comprendere come mai il Comune di Foggia che decideva nel marzo del 2015 di destinare l'immobile ad altre finalità a distanza di qualche mese ovvero nel Novembre del 2015 la stessa ammiinistrazione, come se nulla fosse stato deciso in sede di consiglio comunale, inviava a tutti i nuclei familiari dell'ex distretto comunicazione, che vi alleghiamo, con la quale oltre a farsi carico delle spese di installazione di energia elettrica dei contatori  richiedeva la disponibilità a ciascuno nucleo familiare di effettuare a proprie spese i lavori di collegamento dai relativi contatori ai singoli alloggi. Cosa che di poi avvenne!"

"Infine Vi inviamo copia delle motivazione del riesame proposto dalle quali rilevare l'assoluta insussistenza in capo a taluni ovvero la stragrande maggioranza dei nuclei familiari del reato di occupazione abusiva. Cogliamo l'occasione per evidenziare come molte famiglie non hanno preso parte agli episodi di violenza e di illecita manifestazione messi in atto solo da alcuni facinorosi e dai quali ci dissociamo condannando quanto dagli stessi messo in atto".

SCARICA LE MOTIVAZIONI DEL TRIBUNALE: Motivazioni Tribunale ex Distretto-2

SCOPERCHIATA LA BASE LOGISTICA DELLA MALAVITA: NOMI ARRESTATI

OCCUPATO ABUSIVAMENTE DA 15 ANNI, UTENZE LE PAGAVA IL COMUNE

LA PROCURA: "IL CASO PIU' ECLATANTE DI OCCUPAZIONE ABUSIVA"

BLITZ IN VIA FUIANI: IL COMMENTO DEL SINDACO DI FOGGIA

SGOMBERATI LOCALI PRESSO L'EX DISTRETTO MILITARE: IL VIDEO

PROTESTANO LE FAMIGLIE CHE OCCUPAVANO LA STRUTTURA

DISSEQUESTRATO L'EX DISTRETTO MILITARE DI VIA FUIANI

DISSEQUESTRO: LA PROCURA ATTENDE LE MOTIVAZIONI

Allegati

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento