rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Cera non molla il centrosinistra di Emiliano ma precisa: “È ora di fare una verifica di maggioranza”

Il presidente e consigliere regionale del gruppo dei ‘Popolari’ chiede di non confondere il sostegno a Emiliano con la scelta di ‘Noi con l’Italia’ di affiancare il centrodestra alle prossime Politiche

Napoleone Cera, presidente del gruppo dei ‘Popolari’ eletto all’interno della coalizione che meno di tre anni fa consentì a Michele Emiliano di conquistare la presidenza della Regione Puglia, precisa che la scelta dell’UdC di collocarsi alle prossime Politiche al fianco del centrodestra con ‘Noi con l’Italia’ “non deve e non può intaccare rapporti nati prima della scelta nazionale”

Spiega il consigliere regionale di San Marco in Lamis: “Nel 2015 il nostro sostegno al centrosinistra è arrivato da un accordo stretto con il presidente Emiliano. Su quell'accordo abbiamo chiesto la fiducia ai pugliesi che ci hanno premiato con oltre 100mila preferenze. Risultato costruito dal nostro impegno sul territorio che è stato sempre leale, collaborativo e partecipativo. Tra l'altro ampiamente dimostrato, come nel caso del referendum sulle trivelle, dove abbiamo sostenuto posizioni a tutela del territorio pugliese, anche contro rappresentanti del governo che appartenevano alla nostra area di riferimento. Eravamo coerenti allora, e lo siamo ancora oggi. Così nel 2015 abbiamo scelto la concretezza del governo della nostra regione a fronte di programmi che rischiavano di tenere in stallo la Puglia.

Aggiunge Napoleone Cera, “diverso è chiedersi cosa da quel programma è stato prodotto”. Ed evidenzia: “In più occasioni ho sostenuto che, dopo i primi mesi, dove si sono messi in campo numerosi provvedimenti, anticipando anche il legislatore nazionale, oggi, registrando i continui mal di pancia in seno alla maggioranza regionale, è arrivato il momento di fare una verifica. Soprattutto per fare chiarezza sul rapporto tra i partiti della maggioranza.  L’assessore Ruggeri non può essere il contendere di una battaglia politica. Non lo ritengo onesto ed è deviante per una campagna elettorale che dovrebbe trattare programmi di crescita e di sviluppo per il Mezzogiorno, invece di occuparsi di gradimenti e liste blindate. La campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento, deve essere più serena e parlare alla gente, venendo incontro ai loro piccoli o grandi problemi. Per questo invito tutte le forze politiche a evitare autolesionismi inutili e a concentrarsi di più sulle cose da fare.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cera non molla il centrosinistra di Emiliano ma precisa: “È ora di fare una verifica di maggioranza”

FoggiaToday è in caricamento