Sabato, 25 Settembre 2021
Regionali Puglia 2020

Lista di Fratelli d'Italia chiusa (ma con riserva): obiettivo "superare il 15%". Di Donna? "Il problema non si pone"

Sono già due i "passi di lato" nella lista: dopo Casarella a Cerignola (che ha ceduto il posto a Giannatempo), tocca ad Orlando di Lucera che ha scelto di abbandonare la corsa per Bari e restare a disposizione della città

"La lista è chiusa ed è definita, allo stato dell'arte, perché ovviamente i partiti fanno le liste e lavorano sulla base della legge elettorale che si trovano davanti. Poi, dovesse cambiare la legge elettorale, è normale che non Fratelli d'Italia ma tutti i partiti che sono chiamati a questa competizione elettorale dovranno fare delle riflessioni". L'introduzione della doppia preferenza in Puglia (eventualità avvalorata anche dall'ultimatum del premier Giuseppe Conte) potrebbe sparigliare le carte e il co-coordinatore del partito di Giorgia Meloni in provincia di Foggia Giandonato La Salandra lo va predicando da tempo, non solo ora, a pochi giorni dalla discussione della proposta di modifica in Consiglio regionale (è iscritta all'ordine del giorno il 28 luglio). Formalmente, le liste saranno davvero chiuse solo dopo il 22 agosto, termine ultimo di presentazione.

I primi manifesti col simbolo sono già partiti e risulta complicato immaginare come si possano combinare diversamente le liste in corsa."In politica si fanno i passi di lato - non passi indietro, precisa La Salandra - Fino a tre settimane fa su Cerignola era candidato Gianvito Casarella in Fratelli d'Italia e Antonio Giannatempo nella lista del presidente. I due candidati hanno fatto un determinato ragionamento di prospettiva, e anche a vantaggio numerico della lista, e Gianvito Casarella ha fatto un passo di lato in ordine a quelle che sono le elezioni amministrative che si terranno nel 2021, si è evitato di disperdere un capitale elettorale e questa concentrazione ha avvantaggiato la lista. La politica opera in questi termini".

Nelle ultime ore un altro candidato ha fatto un passo di lato: l'avvocato Ettore Orlando di Lucera. Ha comunicato ai suoi concittadini la decisione di ritirare la candidatura al Consiglio regionale e di "restare a disposizione della città". Sono le cambiate le condizioni: "Dopo un doveroso esame di coscienza ho ritenuto di non poter cercare gloria e poltrone altrove lasciando la mia Città in un momento gravissimo. Non si vive di sole soddisfazioni ed affermazioni personali". La sua casella potrebbe essere riempita da Giuseppe Pica.

Nell'elenco dei candidati figurano ora i nomi del consigliere regionale uscente Giannicola De Leonardis, dei consiglieri comunali di Foggia Ciccio D'Emilio Bruno Longo, di Raffaele Castriotta di Manfredonia, Raffaele Fanelli di San Severo, Nunzia Canistro di San Giovanni Rotondo e Antonio Giannatempo di Cerignola. "È una lista competitiva - aveva detto Giandonato La Salandra - Stiamo lavorando tutti quanti per arrivare a 30mila voti, cioè dobbiamo sfondare la soglia del 15%".

In caso di modifica della legge elettorale pugliese la presenza delle donne dovrà essere riequilibrata. Circolano voci di un possibile ingresso anche di Anna Maria Fallucchi, che di fatto non ha ancora ufficializzato la lista, anche se finora appariva più verosimile un suo posizionamento nella civica del presidente La Puglia di domani. Al momento non è contemplata la candidatura di Michaela Di Donna: "Il problema non si pone - afferma ancora il coordinatore Giandonato La Salandra - Non c'è alcunché da discutere". Ma lo scenario potrebbe cambiare tra meno di una settimana.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lista di Fratelli d'Italia chiusa (ma con riserva): obiettivo "superare il 15%". Di Donna? "Il problema non si pone"

FoggiaToday è in caricamento