Miranda non ce l'ha fatta ma rivendica l'apporto elettorale dato alla Lega di Foggia: "Mio risultato determinante"

Il commento del dirigente regionale e responsabile organizzativo provinciale della Lega, Luigi Miranda: "Ho affrontato questa competizione in modo leale, pulito e trasparente. Considero il mio risultato di grandissimo valore, soprattutto dal punto di vista politico"

Luigi Miranda

"Quella che si è appena conclusa con il responso delle urne è stata una campagna elettorale straordinaria, per la quale ringrazio tutti coloro i quali sono stati al mio fianco e le migliaia di cittadini che hanno voluto onorarmi con la loro fiducia. A tutti esprimo un ringraziamento sincero, perché ogni confronto, ogni stretta di mano ed ogni singolo voto mi hanno arricchito ed emozionato".

Queste le parole del dirigente regionale e responsabile organizzativo provinciale della Lega, Luigi Miranda: "Desidero naturalmente formulare i miei auguri di buon lavoro a Joseph Splendido per la sua elezione in Consiglio regionale e a tutti gli altri consiglieri che avranno l’onere di rappresentare la Capitanata in via Gentile", continua. "Ho affrontato questa competizione in modo leale, pulito e trasparente".

"Considero il mio risultato di grandissimo valore, soprattutto dal punto di vista politico. Nella città di Foggia ho totalizzato, come attestato dal Ministero dell’Interno, 2.376 preferenze rispetto alle 2.679 di Splendido, sostenuto legittimamente e apertamente dal punto di vista elettorale dal sindaco Franco Landella - approdato nel nostro partito a campagna elettorale in corso -, da larghissima parte dell’Amministrazione comunale e da molti consiglieri comunali, da alcuni dei vertici delle ex aziende partecipate del Comune e dall’intera segreteria del partito".

"Il peso del mio risultato è stato dunque determinante per le percentuali di consenso che la Lega ha ottenuto a Foggia, che sarebbe stato impossibile raggiungere senza il contributo elettorale del gruppo di cui sono espressione. Un patrimonio di passione, cambiamento, idee, impegno ed onestà che i cittadini di Foggia hanno evidentemente apprezzato e premiato. Identica valutazione politica ritengo riguardi l’esito della competizione nel resto della Capitanata", spiega.

"Anche qui, come accaduto a Foggia, ci siamo confrontati con un candidato al quale la segreteria provinciale del partito aveva deciso di garantire pur legittimamente un sostegno elettorale totale ed esclusivo in ogni angolo del territorio. Nonostante tutto questo, alla fine il distacco complessivo è stato inferiore ai 2000 voti. Una dimostrazione chiara ed inequivocabile dell’importanza politica ed elettorale del gruppo di cui faccio parte all’interno della Lega e che mi ha accompagnato in questa sfida, che abbiamo interpretato e vissuto difendendo i valori in cui crediamo, offrendo una proposta di svolta, onestà e serietà alle nostre comunità".

"Da questi elementi bisogna ripartire, per valorizzare ciò che è stato costruito e rendere migliori il presente ed il futuro di Foggia e della nostra provincia. Queste elezioni non sono state la fine di un percorso, ma l’inizio di un nuovo viaggio nel solo ed esclusivo interesse della nostra terra”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento