menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto dal profilo FB di Cusmai

Foto dal profilo FB di Cusmai

"Siamo tutti in discussione, me compreso". La Lega foggiana delusa prova a rimettersi in gioco: "Ricostruiamo"

L'analisi del segretario provinciale della Lega di Foggia Daniele Cusmai. In Capitanata è il secondo partito del centrodestra dopo Fratelli d'Italia con l'11,05%, la miglior performance di tutta la regione

"Sicuramente all'elettorato non è piaciuta la proposta politica del centrodestra". È la versione ufficiale della Lega provinciale di Foggia che, a una settimana dal voto, non si sottrae all'analisi del risultato. La caccia alle responsabilità impegna da giorni un po' tutti gli sconfitti. "Avevamo chiesto un centrodestra più innovativo - dice oggi il segretario Daniele Cusmai - ma abbiamo comunque tenuto fede agli accordi e Fratelli d'Italia ha proposto Raffaele Fitto che noi abbiamo sostenuto". La candidatura di Nuccio Altieri, vicepresidente in pectore in caso di vittoria del centrodestra, (o di chi per lui) "avrebbe dato un'idea diversa e più innovativa di Puglia. Però ormai con i se e con i ma non si fa la storia".

In provincia di Foggia la Lega è risultata il secondo partito del centrodestra dopo Fratelli d'Italia con l'11,05% (con meno di 500 voti di scarto), la miglior performance in tutta la regione. È la terza forza in Capitanata considerato il primato del Partito Democratico. A Foggia città è il primo partito della coalizione, con il 13,24%. A livello regionale è sempre il secondo partito del centrodestra con il 9,57%, percentuale inferiore al Movimento 5 Stelle, tanto per farsi un'idea. La Lega ha eletto per la prima volta 4 consiglieri regionali: il foggiano Joseph Splendido, Gianni De Blasi, Giacomo Conserva e Davide Bellomo.

"Il risultato è al di sotto delle aspettative, questo è poco ma sicuro, anche perché i sondaggi parlavano di altro, però la democrazia è questa, la dobbiamo accettare quando si vince e quando si perde - afferma Daniele Cusmai - Adesso dobbiamo ricostruire perché siamo la prima provincia, abbiamo quasi due punti percentuali in più della seconda provincia della Puglia e siamo riusciti ad eleggere un consigliere regionale che porterà un valore aggiunto a tutto il territorio. Sicuramente, comunque, la macchina e la struttura del centrosinistra che governa da 15 anni la regione ha saputo fare la differenza nelle ultime due settimane".

"Tutti in discussione ora, me compreso", aveva detto Cusmai all'indomani delle elezioni. "È una cosa che faccio quotidianamente - spiega oggi - Lo dico nella sua accezione positiva, non negativa nel senso di dimettermi. Se si mette in discussione il segretario provinciale della prima provincia della Puglia è chiaro che poi tutti quanti dobbiamo essere in grado di metterci in discussione ma sempre per raggiungere un risultato migliore, non per disgregare o creare fratture".

A breve riunirà tutti i segretari cittadini per una disamina comune per comune. "Le elezioni regionali sono delle grandi comunali. Prendiamo l'esempio di Vico del Gargano che è il mio comune e dove esprimiamo anche un assessore: abbiamo raggiunto il 21%, siamo il primo partito. In altri paesi dove non abbiamo la stessa struttura e non c'è un consenso territoriale forte abbiamo fatto fatica ed è giusto ragionarci. Anche su Foggia città abbiamo avuto un'ottima percentuale, abbiamo preso quasi il 14%". In alcuni centri la risposta non è stata perfettamente in linea con le aspettative, altri hanno retto. Ma questo non dovrebbe generare grossi scossoni. "La qualità c'è, è una struttura di gente valida e preparata, però dobbiamo aggregare".

Fiducia confermata a Primiano Di Mauro, unico candidato sindaco di Lesina dove per poco più di 50 elettori non è stato raggiunto il quorum, invalidando le elezioni. "A Lesina io penso che ci sia una grande vittoria. Non c'è stata nei fatti perché non abbiamo eletto il sindaco ma comunque il 49,1% delle persone che sono andate a votare ha supportato Primiano Di Mauro. Non è la sconfitta della Lega, anzi, io penso che sia la sconfitta di chi non ha saputo aggregare. Speriamo che riescano a fare una lista e vedremo chi vincerà. Li aspettiamo a maggio 2021: è solamente una vittoria rimandata".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il "Fiasco" della campagna vaccinale, il caso Puglia nell'analisi del Financial Times: "Il 98% degli ultrasettantenni ancora senza dose"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento