"Sono uno di loro". Joseph Splendido 'candidato del popolo' destinazione Bari: "Io a disposizione della Capitanata"

Candidato nella lista della Lega per la Circoscrizione di Foggia, l'avvocato non si sta risparmiando in questa campagna elettorale: "Sono a disposizione della collettività"

Joseph Splendido

Si nutre dell'energia che sprigiona la gente che incontra. La campagna elettorale di Joseph Splendido "è una bellissima festa". Candidato alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre nella lista della Lega in provincia di Foggia, è anche dirigente regionale del partito. L'entusiasmo è alle stelle. Lui è fatto così. Col sorriso sempre pronto. Fa politica attiva da 6 anni e la Lega è stato il suo primo e unico partito. Per la politica ha lasciato le moto in garage, una sua passione.

Figlio di foggiani emigrati in Francia a metà degli anni '60, è tornato nella sua Puglia all'età di 12 anni e oggi, proprio alla luce di una bella storia personale, la sua missione è dare ai suoi figli e ai suoi concittadini un motivo per non lasciare la propria terra d'origine, convinto che ogni persona che se ne va rappresenti un fallimento delle istituzioni e della politica. La sua campagna elettorale non è fatta di contrapposizioni: non ha nemici ma competitor, e "gli avversari si combattono lealmente"

Cos'è che ha più a cuore di questa terra e cosa bisogna assolutamente portare a Bari, in Regione?

Più di ogni altra cosa ho a cuore gli abitanti e le loro esigenze. Non amo parlare di programmi, tantomeno propongo libri dei sogni, come fanno molto spesso altri politici. L'unica promessa che faccio è il mio massimo impegno in tutti i settori, anche rispetto alle esigenze che potranno sopravvenire. Sono a disposizione della collettività della Capitanata tutta. Andiamo avanti con forza e coraggio, senza timore.

È indubbiamente una campagna elettorale anomala, causa Covid. Come l'ha vissuta?

Non ci stiamo risparmiando e stiamo girando il territorio. Io adoro la Capitanata. Mi piace visitarla e anche assaggiare le sue prelibatezze culinarie perché poi ogni zona ha le sue peculiarità. La cucina è cultura e io amo assaporare le differenze all'interno del nostro territorio che è lungo e larghissimo, è una provincia estesa per cui va battuta palmo a palmo, cosa che faccio da sempre a prescindere dalla campagna elettorale perché sono sempre stato vicino ai territori e alle sedi della Lega.

L'astensionismo è il nemico numero uno. Come si combatte e come si fa a riavvicinare i cittadini alla politica?

Con candidati che sono parte del popolo e bisogna parlare ai cittadini con la franchezza che ci contraddistingue e dire le cose chiaramente.

Lei si ritiene uno di questi?

Io non ho mai mentito, neanche nel mio lavoro. La gente avverte che c'è questo scambio reale di proposte. Mi definiscono un politico diverso. E la parola politico ultimamente è stata considerata quasi una parolaccia. Invece, nei miei confronti, vedono che l'uomo coincide con il politico.

Chi è Splendido politico?

Faccio politica attiva da soli sei anni e chi mi conosce da sette anni sa che io sono esattamente come mi vedono oggi. È per questo che la gente mi ama e io amo la gente. Sono uno di loro. C'è uno scambio di idee, di energie, di positività.

Perché scegliere Fitto e dire no a Emiliano?

È come sparare sulla Croce Rossa, perché scegliere Emiliano significa scegliere lo sfacelo di 15 anni di sinistra e colui il quale a sei anni dai Psr non è riuscito a erogare un solo contributo nel settore agricolo che è trainante per la nostra economia. Gli agricoltori sono disperati, sono stati buttati sul lastrico perché hanno dovuto cofinanziare degli acquisti e adesso sono impossibilitati a pagare la differenza, considerato che due bandi sono stati sbagliati. Abbiamo 15 anni di mala gestione di sinistra.

Voi siete sicuri di far meglio?

Rispetto allo zero, non sarà difficile fare meglio, ma faremo molto di più perché ereditiamo una situazione disastrosa, ci rimboccheremo le maniche e andremo a lavorare su tutte le macerie che la sinistra ha lasciato nel nostro territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • La Puglia diventa gialla: da domenica riaprono bar e ristoranti (fino alle 18) e via libera agli spostamenti tra comuni

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

Torna su
FoggiaToday è in caricamento