menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Leonardis e Capone

De Leonardis e Capone

De Leonardis vice di Capone, prima donna alla presidenza del Consiglio regionale. Ruoli per Gatta e Clemente

Giannicola De Leonardis vicepresidente del Consiglio regionale pugliese con Casilli del Movimento 5 Stelle. Gatta e Clemente consiglieri e segretari dell'ufficio di presidenza. Fitto si dimette, Capone presidente del Consiglio regionale

E’ partita ufficialmente oggi 26 novembre 2020 la XI legislatura della Regione Puglia con ventisette volti nuovi, tre dei quali hanno ottenuto di nuovo lo status di consigliere regionale che avevano ricoperto in altre legislature diverse da quella del primo governo Emiliano. I riconfermati sono invece 24 su 51.

Ha scelto di restare in Europa l'ex candidato presidente del centrodestra Raffaele Fitto, che si è dimesso a beneficio del tarantino in quota Lega Giacomo Conserva. Le consigliere regionali donna passano da cinque a sette, tra cui la riconfermata Rosa Barone.

Per quanto riguarda i ruoli dei foggiani, soddisfazione per Giannicola De Leonardis dei Fratelli d'Italia, eletto vicepresidente del Consiglio regionale grazie ai 16 voti voti dell'opposizione, insieme a Christian Casili del Movimento 5 Stelle, eletto con trenta preferenze. 

Sergio Clemente con 32 voti e Giandiego Gatta con 16, sono stati nominati consiglieri segretari dell'ufficio di presidenza.

L'XI legislatura è la prima volta di una donna alla presidenza del Consiglio regionale della Puglia: si tratta dell'ex assessore salentino Loredana Capone: "La presidente è brava, esperta, competente, è un avvocato in gambissima, una mamma e una moglie straordinaria, ha guidato con intelligenza diversi assessorati tutti assai importanti e soprattutto incarna nitidamente i valori e i sentimenti della terra di Puglia.  Sono felice che i consiglieri l’abbiano eletta accogliendo il mio auspicio" il commento del presidente Emiliano.

Soddisfatto l'avvocato di Manfredonia, Giandiego Gatta: "Negli ultimi 5 anni da consigliere componente dell’ufficio di presidenza del Consiglio regionale, ho inteso interpretare il mio ruolo istituzionale con rigore, sempre e soltanto a garanzia del buon funzionamento del Consiglio regionale, della sua indipendenza e nell’interesse di tutti i cittadini pugliesi, ed è esattamente la stessa linea che intendo seguire negli anni che ci attendono.  Ringrazio, perciò, tutti i colleghi che oggi hanno inteso rinnovare stima e fiducia nei miei confronti, eleggendomi ancora nell’Ufficio di Presidenza, stavolta in qualità di Consigliere Segretario. Posso assicurare che compirò i passi di questo cammino con lo stesso spirito, lo stesso rispetto per l’istituzione che ci onoriamo tutti di rappresentare e lo stesso sguardo proteso al futuro: abbiamo ancora strada da fare affinché il Consiglio regionale possa assurgere ad assemblea legislativa con una sua identità precisa e la sua indipendenza dagli altri organi della Regione con cui è chiamato a collaborare con profitto e lealtà. Per la nostra Puglia e per tutti i pugliesi, buon lavoro ad ognuno di noi”.

Particolarmente emozionato per il nuovo ruolo istituzionale Giannicola De Leonardis: "Il consiglio regionale rappresenta la massima assemblea elettiva pugliese, e da vicepresidente mi impegnerò al meglio delle mie capacità e possibilità perché rappresenti il cuore e l'anima di una Politica al servizio della comunità e dei cittadini, con il pieno coinvolgimento e l'opportuna considerazione di tutti i suoi componenti. In un momento particolarmente difficile per il nostro paese e per la nostra regione, che richiede ancor più responsabilità, partecipazione, condivisione.  L' esperienza e l'entusiasmo saranno miei preziosi alleati, insieme a dignità e decoro, che da sempre sono i riferimenti del mio impegno quotidiano in politica e nella vita."

Primo giorno e prima volta anche per l'ex sindaco di Lucera Antonio Tutolo: "Oggi dovrei essere felice perché ricoprire questo ruolo è un onore enorme. Mai lo avrei immaginato e di questo vi sono grato davvero. Purtroppo non riesco ad essere felice perché è un momento triste e di sofferenza per molte, troppe, famiglie. Ho un nodo in gola e non è gioia. Una cosa però voglio dirvi e lo dico con il cuore: giuro sul mio onore che onorerò questa fiducia con tutte le mie forze. Mai e per nulla al mondo tradirò questa fiducia".

Entusiasta il leghista di Foggia Joseph Splendido: "Comincia oggi ufficialmente la mia attività di consigliere regionale, con il primo consiglio regionale di insediamento a Bari. Avverto una emozione particolare mescolata ad ansia, proprio come un bambino al primo giorno di scuola. Se sono seduto tra questi banchi lo devo a voi amici e alla fiducia che mi avete accordato nelle elezioni regionali di Settembre. Come ho sempre ribadito in campagna elettorale e come continuerò a fare, prometto il mio massimo impegno! Lo devo, non solo per voi tutti e alla mia splendida terra, la Provincia di Foggia ma per tutta la regione Puglia da troppo tempo malgovernata dal centrosinistra pugliese! Ci sono e ci sarò sempre per non tradire la vostra fiducia, vi ringrazio per i tanti messaggi di supporto e le dimostrazioni di affetto nei miei confronti che sto ricevendo in queste ore, sono la mia forza, In bocca al lupo a me, si parte".

Entra a far parte del gruppo misto il consigliere regionale Paolo Dell'Erba. Eletto nella lista del candidato presidente Raffaele Fitto, 'La Puglia domani', l'imprenditore di Apricena rimarca così la sua indipendenza dai partiti politici o a loro riferiti. "Continuerò ad essere un consigliere del centro-destra in opposizione al Governo Emiliano, ma sarò sempre collaborativo pronto a sostenere qualunque iniziativa favorevole alla provincia di Foggia, per troppo tempo fanalino di coda di questa regione e non per propri demeriti. Abbiamo diverse priorità tra cui quella sanitaria per il Covid-19, che non ammette più ritardi e scelte sbagliate. La provincia di Foggia paga gli errori di valutazione della Regione e non solo quelli registrati nella scorsa estate. Soprattutto per aver ridimensionato o chiuso negli ultimi anni diverse strutture sanitarie che servivano alcune zone della provincia ora in completo stato di abbandono”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento