Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Laricchia vuole far tornare di moda la legalità: "Foggia ha bisogno di un serio progetto di ristrutturazione"

Inaugurato il nuovo Spazio 5 Stelle con la partecipazione della candidata alla presidenza della Regione Puglia

 

“Foggia ha bisogno di un serio progetto di ristrutturazione a partire dalle risorse che ha. Ci sono dei gioielli nel territorio di Capitanata”. Ha esordito così la candidata presidente della Regione Puglia del Movimento 5 Stelle Antonella Laricchia arrivata in città intorno alle 20.30 dopo un tour sui Monti Dauni. Accolta tra gli applausi e i cori da stadio da iscritti e simpatizzanti, ha inaugurato lo Spazio 5 Stelle, segreteria politica dei deputati Giorgio Lovecchio e Rosa Menga e del senatore Marco Pellegrini e un punto di ritrovo di tutti i Cinquestelle di Foggia e provincia, in via Crispi 58. Ha le sembianze di un comitato politico ma non lo è perché, come ripetono tutti i portavoce, rimarrà aperto anche dopo le elezioni. Non è causale la scelta di un centro-periferia ("Noi non siamo quelli che si ricordano delle periferie solo in occasione delle campagne elettorali", dirà l'europarlamentare Mario Furore).

Le avances di Michele Emiliano e l'insistente corteggiamento sono un tema all'ordine del giorno: "Non capisco perché il ministro Boccia abbia deciso di accanirsi contro una giovane donna che ha la sola colpa di voler portare l'unica vera possibilità di cambiamento in Regione Puglia - ha detto Antonella Laricchia - Spero che questo pressing finisca al più presto perché è veramente scorretto, estenuante e, direi, a volte anche inquietante". Sulle ragioni di tanta insistenza non nutre alcun dubbio: "L’obiettivo è chiaro, è quello di portare la scelta un bivio. Ma la partite è a tre. Non mi faccio comprare da queste lusinghe e non risparmio un grammo di energia". I suoi avversari sono Michele Emiliano e Raffaele Fitto. Ci sarà una lista a supporto e lo conferma: "C'è un grande interesse del mondo civico e delle imprese e stiamo lavorando per valorizzare queste figure che vogliono unirsi alla nostra squadra".

Laricchia ha presentato i candidati foggiani alla carica di consigliere regionale: la lista è l'unica già pronta da febbraio, quando su Rousseau sono state celebrate le Regionarie, ed è composta dalla consigliera uscente Rosa Barone, Mario Dal Maso, Guglielma Lecce e Francesco Paolo Sebastiano, tutti di Foggia, Grazia Manna di Troia, Luigi Domenico Lacci e Guendalina Rosaria Romito di San Severo, e Salvatore Biancofiore di San Giovanni Rotondo. "I pugliesi devono scegliere tra il passato, il passato remoto e il nuovo", ha detto la candidata presidente M5S che tra i nemici annovera anche l'astensionismo. 

“Michele Emiliano ha svenduto alla vecchia politica i settori più strategici”, racconta a cittadini, iscritti e simpatizzanti nei locali appena inaugurati. È lo spunto per rispolverare un cavallo di battaglia: la meritocrazia. Pone problemi e prospetta soluzioni abbozzate nel programma:  “Abbiamo in mente di aggredire la disoccupazione potenziando i centri per l’impiego”; affronta il tema dell'agricoltura e promette sburocratizzazione, e pensa a un "prestito di formazione per i giovani che scelgono di rimanere qui per la specialistica" da restituire a partire dal primo vero stipendio. "Abbiamo un programma incredibile sulle liste d’attesa", annuncia, naturalmente "online". In questi cinque anni "noi abbiamo inondato di proposte il Consiglio regionale”, dice ai cittadini la candidata presidente. Vogliono spazzare via l'illegalità e così provano a conquistare Foggia: "La legalità deve andare di moda, a partire dall'esempio che deve esserci in Regione Puglia".

IMG_2109-2IMG_2094-2

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento