menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Laricchia schiena dritta nonostante Conte: "Non piego la testa". Crimi al premier: "No forzature"

Ipotesi alleanza tra PD e cinquestelle a pochi giorni dalla consegna della liste. Lo ha chiesto il presidente Giuseppe Conte. Laricchia: "Emiliano e Fitto pericolosi"

Clima rovente tra cinquestelle e PD in Puglia. Clima bollente anche a Roma, dove il capo politico dei pentastellati Vito Crimi "blocca" sul nascere il tentativo del premier Giuseppe Conte di convincere Antonella Laricchia a convergere sulla figura di Michele Emiliano. "Nessuna forzatura" l'invito di Crimi al presidente attraverso le colonne di Affaritaliani.it. 

Non si piega e non piegherà la testa, pur consapevole che dall'alto potrebbe ugualmente piovere una clamorosa decisione, la leader del movimento e candidata presidente Antonella Laricchia che conferma di aver avuto un dialogo "cordiale, intelligente, profondo" con Giuseppe Conte, al quale Laricchia, alla pari dei vantaggi personali e delle promesse che le avrebbero fatto, sostiene di preferire gli interessi dei pugliesi.

La candidata presidente e consigliere regionale uscente bolla Michele Emiliano come "pericoloso e non credibile". Se parla per un quarto d’ora di fila è ben capace di iniziare a esporre una tesi e finire per sostenerne una diametralmente opposta all’interno dello stesso discorso. Su di lui e sulla sua squadra indagano diverse procure d'Italia. Se deve guadagnarsi la fiducia dei suoi colleghi magistrati, figuriamoci se può godere della mia e di quella della mia squadra" tuona l'esponente cinquestelle, che non risparmia nemmeno Raffaele Fitto, di cui condivide la preoccupazione: "Anche il suo passato giudiziario dimostra che non ha saputo garantire il rispetto dei soldi dei pugliesi e dei loro servizi pubblici".

Laricchia punta sul cambiamento ma avverte: "La mia presenza non è scontata, chiaramente sono sacrificabile in ogni momento, se qualcuno lo decide dall’alto. Ma non chiedetemi di piegare la testa, piuttosto trovate il coraggio di tagliarla, se volete salvare la mala politica di Emiliano e Fitto, perché finché non sarò rimossa da questo ruolo che mi è stato attribuito, andrò avanti a guidare questa opportunità di cambiamento"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento