Salvini ci prova, ma Meloni e Berlusconi fanno muro: le resistenze dei leghisti su Fitto in Puglia e Caldoro in Campania

Raffaele Fitto per la Regione Puglia e Stefano Caldoro per la Campania. Matteo Salvini: "Se nel centrodestra si fa uno sforzo di rinnovamento male non fa"

A tirar troppo la corda prima o poi si spezza. Matteo Salvini non sembra preoccuparsene, tutt'altro. Prosegue infatti il pressing sugli alleati di centrodestra Meloni e Berlusconi. Va avanti il tentativo di convincerli della sua idea di cambiamento da esporre ai pugliesi e ai campani. Per il Capitano si comincia da qui: "E' la nostra priorità". 

Salvini sostiene di non voler mettere le bandierine, ma pretende il programma e le persone migliori. Ritiene giusto concedere spazio a tutti, ma tiene a precisare una cosa, e cioè che "come governa la Lega lo dimostrano i governatori e i sindaci della Lega".

La scelta del candidato in Puglia spetta ai Fratelli d'Italia, in Campania a Forza Italia. Punto. Meloni e Berlusconi fanno muro. 

E se al segretario federale del Carroccio proprio non va giù la scelta di Stefano Caldoro per la Campania, più leggere appaiono invece le resistenze su Fitto.

Nel primo caso il ragionamento è il seguente: "Se in Campania la sinistra propone come cambiamento De Mita, De Luca, Mastella e Cirino Pomicino, io penso che dalla Lega e dal centrodestra gli elettori napoletani e campani si aspettino qualcosa che guarda avanti e non indietro". Caldoro ha governato la Campania dal 2010 al 2015.

Per quanto riguarda la candidatura di Fitto, i Fratelli d'Italia si stanno giocando la partita interna al centrodestra puntando sui sondaggi, che secondo i meloniani darebbero l'ex ministro in netto vantaggio su Emiliano. La percezione in senso lato e il sentimento raccolto sui social dai leghisti, stride però con i numeri in possesso del partito di Giorgia Meloni.

Tra i salviniani ed ex fittiani trapiantati nella Lega, il timore è che Fitto non abbia più l'appeal e la grinta del politico rampante che gli consentirono di vincere le elezioni regionali del 2000. 

Ed è per questo che l'idea di puntare nuovamente sull'europarlamentare, oltre al dato incontrovertibile che dalla sua prima e ultima volta da presidente della Regione Puglia sono trascorsi rispettivamente venti e quindici anni, non agevola la trattativa, che si è arenata ma che riprenderà, probabilmente, la prossima settimana, quella decisiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E il segretario federale della Lega non perde tempo per lanciare segnali. La tocca piano ma la tocca: "Se nel centrodestra si fa uno sforzo di rinnovamento male non fa". Salvini cederà per sfinimento, o magari il contrario. Chissà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento