Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Piano parcheggi, D’Emilio: “Se necessario ricorreremo al referendum”

Il capogruppo consiliare del Pdl boccia il piano parcheggi voluto dalla giunta Mongelli di comune accordo con l'Ataf. Parere contrario delle circoscrizioni, associazioni dei consumatori, commercianti e abitanti del centro

Il piano parcheggi presentato dalla giunta Mongelli non piace affatto al Pdl. A ribadirlo in una nota a mezzo stampa ci pensa il capogruppo consiliare Francesco D’Emilio. Lo stesso rilancia l’idea della consultazione popolare, in virtù di quella che l’esponente del Pdl definisce una bocciatura unanime della commissione consiliare economica, delle associazioni dei consumatori, dei commercianti e degli abitanti del centro.

Anche le circoscrizioni, la seconda soprattutto, starebbero pensando a un referendum. Il piano di sosta tariffata fortemente voluto dal Comune insieme all’Ataf potrebbe invece essere presto approvato.

Il nuovo piano di sosta tariffata ha subito la bocciatura di tutti ma Mongelli, a braccetto con l’Ataf, continua a fare orecchie da mercante ostinandosi a portare avanti un progetto che, di fatto, avrà l’effetto di esortare i residenti del centro a trasferirsi in altre zone della città, per non parlare dei commercianti, che vedranno ridursi l’afflusso di clienti, comprensibilmente orientati a fare acquisti nei centri commerciali di periferia. Ma la vera beffa” continua D’Emilio “è che gli introiti di questa discutibilissima operazione non verranno reimpiegati per garantire una maggiore efficienza nei servizi alla cittadinanza ma per rimpinguare le casse dell’Ataf: è l’ennesima manovra con cui l’amministrazione Mongelli, in barba alle normative vigenti del Codice della Strada, penalizza la comunità cittadina allo scopo di rimediare alle magagne causate dal proprio malgoverno. Una manovra che, tra l’altro, non servirà neanche a migliorare l’occupazione dei parcheggiatori, visto che questi ultimi nella migliore delle ipotesi saranno impiegati con contratti a prestazione d’opera presso agenzie interinali. Ecco perché ci batteremo affinché il sindaco ritorni sui suoi passi e, se necessario, ricorreremo anche al referendum”.

D’Emilio promuove invece piani alternativi di sosta a pagamento: “Sarebbe molto più consona alle esigenze dei cittadini e al miglioramento del traffico stradale la previsione dei cosiddetti “Park & Ride” che consentirebbe agli automobilisti diretti verso il centro città di parcheggiare il veicolo in aree di sosta periferiche d’interscambio e di raggiungere il centro con i mezzi pubblici dell’Ataf, pagando un unico biglietto a importo minimo.  A proposito dell’Ataf” conclude D’Emilio “che fine hanno fatto i cinque bus elettrici acquistati per diminuire l’impatto ambientale dei mezzi?


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano parcheggi, D’Emilio: “Se necessario ricorreremo al referendum”

FoggiaToday è in caricamento