Sant’Agata di Puglia: un referendum per la centrale a Biomasse

Depositata dall’Idv e da “Progetto Sant’Agata” una proposta di delibera di consiglio comunale per convocare un referendum consultivo sull’opportunità o meno di realizzare la centrale a biomasse da 25 Mwe progettata dall’Agritre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Biomass-power-plant-Bando-D-Argenta_1_imagelarge-2E’ stata depositata venerdì 4 novembre, presso l’ufficio protocollo del Comune di Sant’Agata di Puglia, una proposta di delibera di consiglio comunale a firma dei consiglieri comunali Gerardo Marchese, Rocco Di Vito e Gerardo Botticelli per l’indizione di un referendum consultivo comunale in merito al progetto di costruzione della centrale a biomasse presentata dall’Agritre.

A renderlo noto sono, in una nota congiunta, il presidente del gruppo consiliare Progetto Sant’Agata Giuseppe Gerardo Marchese e il segretario cittadino dell’Italia dei Valori di Sant’Agata di Puglia Raffaele Giuoco.

La decisione di costruire una centrale a biomasse di grandi dimensioni, così come prospettato dal progetto presentato dall’Agritre, non può in alcun modo passare sopra la testa dei santagatesi senza che questi vengano coinvolti direttamente in una scelta che comporterà necessariamente importanti mutamenti socio – economici. Per questo motivo chiediamo che la nostra proposta venga al più presto discussa e approvata dal consiglio comunale. A questa amministrazione chiediamo pertanto di non barricarsi nelle stanze del potere e chiedere alla cittadinanza di esprimersi su un progetto sul quale il nostro gruppo nutre non poche perplessità

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento