Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

Referendum costituzionale, Sinistra Italiana avvia la campagna per il No “in difesa della democrazia”

Il segretario provinciale Nobile: “Questa modifica minerà la rappresentatività popolare e accentrerà ancor di più il potere nelle mani di pochi”

E’ partita la campagna referendaria di Sinistra Italiana Capitanata a sostegno del No al Referendum costituzionale del prossimo 29 marzo.

Una posizione “in difesa della democrazia, del Parlamento e della rappresentatività popolare”, spiega il segretario provinciale Mario Nobile: “A fronte di un risparmio pari a soli 1,35 € all’anno per ogni cittadino, la democrazia del nostro Paese rischia di subire un danno irreparabile e in particolare saranno proprio i territori più piccoli - come la provincia di Foggia - a pagare le peggiori conseguenze derivanti dalla diminuzione del numero dei Parlamentari: in Puglia senatori e deputati passeranno da 30 a 17 e così in proporzione in Capitanata“.

“Questa modifica - prosegue Nobile - minerà la rappresentatività popolare ed accentrerà ancor di più il potere nelle mani di pochi, in perfetta continuità con il Referendum costituzionale del 2016 e, proprio per questo, tutti gli uomini e le donne che respinsero la proposta del PD di Renzi sono chiamati/e a recarsi alle urne e a votare di nuovo NO.

Come la abolizione delle Province, le leggi elettorali maggioritarie e la diminuzione del numero di rappresentanti del popolo nei Consigli comunali e regionali e le proposte di Presidenzialismo, questa riforma ridurrà la possibilità dei cittadini - soprattutto ai più deboli - di far valere la propria voce, diventando il paese europeo con il minor numero di rappresentanti per numero di abitanti.

Sinistra Italiana di Capitanata promuoverà la riattivazione del Comitato per la Democrazia Costituzionale e sarà in prima linea per far votare NO e promuovere di iniziative verso il Referendum del 29 marzo“.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum costituzionale, Sinistra Italiana avvia la campagna per il No “in difesa della democrazia”

FoggiaToday è in caricamento