Raffaele Caputo nuovo segretario cittadino del Partito Democratico di Manfredonia

Eletto all'unanimità durante il congresso di Circolo di sabato scorso: "È tempo di rimettere al centro la politica per immaginare e proporre una nuova visione di città, prospettare soluzioni ai problemi e alle aspirazioni"

Sabato 15 febbraio, il Partito Democratico di Manfredonia ha celebrato il congresso di Circolo culminato nell'elezione all’unanimità di Raffaele Caputo alla funzione di segretario cittadino.

È stata l'occasione per svolgere un dibattito franco e coerente con quello avviato in questi ultimi mesi, a partire dalla “Festa de l’Unità”, fondato sull'analisi delle criticità emerse durante l’ultima esperienza amministrativa riguardo al rischio di infiltrazioni mafiose, che ha portato allo scioglimento dell’assise consigliare. E con sincerità, il PD ha assunto le proprie responsabilità, senza nascondersi o cercare giustificazioni di sorta, e compiuto un percorso di autocritica. "Ora, però, è tempo di voltare pagina, rialzarsi e proiettarsi verso il futuro. È tempo di rimettere al centro la politica per immaginare e proporre una nuova visione di città, prospettare soluzioni ai problemi e alle aspirazioni", ha dichiarato Caputo. 

"Il Partito Democratico, superata ogni logica correntizia, vuole tornare ad immaginare e proporre una nuova visione di città, tornando a prospettare soluzioni alle numerose problematiche che si pongono con forza agli occhi di tutti. È il momento di mettere in campo il nostro rinnovato impegno per affermare con chiarezza quali sentieri politici percorrere per fronteggiare la crisi occupazionale, come abbiamo dimostrato di saper fare riattivando i forni della Sisecam Vetro grazie al governo della Regione Puglia. Ed è il tempo di ribadire, ove ce ne fosse ancora bisogno, il nostro convinto NO all’impianto Energas e ad ogni progetto di sviluppo che non sia sostenibile ambientalmente e socialmente.

Ecco, a Manfredonia serve un nuovo progetto di sviluppo capace di valorizzare le nuove realtà imprenditoriali esistenti e di attrarne molte altre ancora. Un progetto fondato sulla riqualificazione della zona industriale e portuale, sulla giusta valorizzazione delle ZES e che non metta in concorrenza industria e turismo. Dobbiamo anche trovare il modo più intelligente e innovativo di costruire un'offerta turistica fondata su infrastrutture mature, come il porto turistico, e su nuove infrastrutture, a partire dalla vecchia stazione ferroviaria. Com'è tempo di applicarsi con maggiore efficacia alla risoluzione dei problemi vissuti dalla marineria manfredoniana. E poi dobbiamo compiere un'operazione verità compiuta e approfondita sull'ospedale e sui Comparti. Come abbiamo il dovere di rilanciare la filiera culturale, partendo dalla valorizzazione delle realtà già operanti.

Il Partito Democratico di Manfredonia - conclude Caputo - è pronto ad aprirsi ed a confrontarsi con la città, a riannodare i fili del dialogo con tutte le sue componenti guardando con attenzione ai protagonismi emergenti e offrendo voce e spazio a chi voglia affrontare le nuove sfide al nostro fianco. La composizione più snella del direttivo cittadino, la forte presenza femminile e la giovane età di molti suoi componenti sono i primi, evidenti segnali del nuovo corso che il Partito Democratico di Manfredonia intende avviare e seguire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento