Fondi fino a otto volte maggiori alle province molto più piccole di Foggia. Tasso al Ministro: "Rivedere subito i criteri iniqui"

Una voce si leva dal Parlamento a difesa della Provincia di Foggia ed è quella di Antonio Tasso, ex M5S oggi gruppo Misto

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 
Fondi alle province, Capitanata quintultima. In "soccorso" in Parlamento arriva il deputato Antonio Tasso, ex gruppo M5S, iscritto al momento al Misto, che già ieri a Foggiatoday aveva preannunciato un suo intervento con interrogazione al Ministro competente, per denunciare la sperequazione ai danni della Provincia di Foggia.
Ecco il testo dell'intervento di ieri, 30 gennaio, a Montecitorio. “Il comma 889 dell’art.1 della Legge di Bilancio 2019 stabilisce l’entità, ed i criteri di attribuzione, del contributo annuo per il periodo 2019-2033, da destinare al finanziamento dei piani di sicurezza per la manutenzione di strade e scuole delle Province. Considerando la tabella di riparto di questi Fondi si evince che la Provincia di Foggia, è destinataria di circa 1.250.000€ annui, che la pone al quintultimo posto nazionale ed all’ultimo regionale della graduatoria relativa all’entità del contributo.
Per comprendere il problema che desidero evidenziare, è opportuno ricordare che la provincia di Foggia è la terza in Italia per estensione territoriale, con circa 3000 km di strade, 172 scuole, 550 ponti realizzati oltre 60 anni fa. Volendo fare una parcellizzazione per categoria, appare evidente che la somma stanziata è assolutamente inadeguata per poter pensare a qualsiasi tipo di intervento, perché significherebbe: 432€ per ogni km di strada oppure 2356€ per ogni ponte o, ancora, 7534€ per ogni scuola.
Sia chiaro che non ho nessun dubbio sulla bontà del provvedimento sulla bontà del provvedimento del Governo Gialloverde, che stanzia 250 milioni annui per 14 anni e neanche sulla correttezza dell'applicazione dei criteri stabiliti. Quello che contesto, decisamente, è il ‘criterio di assegnazione’, che si basa su coefficienti matematici, mentre esso andrebbe parametrato alla reale entità della rete stradale, alle strutture scolastiche gestite ed al numero dei ponti.
Confermando lo status quo si andrebbe a cristallizzare la somma di 1.250.000€ per 14 anni creando una insostenibile sperequazione - in quanto province con un quarto di estensione rispetto a quella di Foggia sono assegnatarie di somme quadruple e addirittura ottuple – e si metterebbe un’ipoteca negativa e devastante sulle future possibilità di intervento.
Ho presentato una interrogazione ai Ministeri competenti, per chiedere se hanno la volontà di rivedere i criteri di assegnazione dei contributi alle province, che mi paiono decisamente iniqui”.

Potrebbe Interessarti

  • VIDEO | Mortale alle porte di Manfredonia, perde la vita 30enne di Foggia: le immagini sul luogo dell'incidente

  • VIDEO | Mortale alla periferia di Foggia, perde la vita 25enne: le immagini sul luogo dell'incidente

  • VIDEO | Il rombo delle moto all'uscita del feretro, colombe e palloncini in volo: così Foggia ha dato l'ultimo saluto a Simone

  • VIDEO | Si spezza asse del rimorchio, carico di grano invade la Statale 16

Torna su
FoggiaToday è in caricamento