Politica

Provincia, è scontro in consiglio: ok al consuntivo. "Santaniello si dimetta”

L'assise di Palazzo Dogana supera lo scoglio consuntivo ma è crisi politico-istituzionale. La minoranza abbandona l'aula: "noi non rappresentati". Si dimettono dai loro incarichi Rino Pezzano e Michele Augello

La tensione era nell’aria a Palazzo Dogana, all’indomani della crisi lampo provocata dal presidente del consiglio, Enrico Santaniello, poi rientrata nel giro di 48ore dopo un frettoloso vertice di maggioranza.

L’intero centrodestra (Pdl in testa) serra le fila e arriva in aula compatto oggi per l’approvazione del bilancio consuntivo, con tanto di telecamera nuova di zecca per le riprese della seduta di consiglio, a dimostrazione della volontà di mantenere la parola data: "Ho avuto garanzie - esordisce Santaniello in apertura - che le richieste dell'Ufficio di presidenza troveranno rapidamente attuazione. Nel giro di un mese sarà riorganizzato l'intero settore della comunicazione per la trasparenza dell'ente".

Ma l’opposizione non ci sta e va in scena un duro scontro politico-istituzionale. Due esponenti della minoranza si dimettono dagli organi che presiedono: Rino Pezzano (Pd) da vicepresidente del consiglio provinciale, Michele Augello (Gruppo Misto) dalla Commissione consiliare di controllo e garanzia.

Duro l'affondo del primo contro Santaniello, reo di aver liquidato frettolosamente la vicenda senza renderne conto alla minoranza nelle forme e nei tempi propri dell'istituzione "utilizzando - dice Pezzano - il sostegno richiesto ed ottenuto dalle opposizioni per raggiungere obiettivi e risultati a noi del tutto ignoti e offendendo così la dignità istituzionale della Presidenza del Consiglio Provinciale e dell’assise".

Quindi l'abbandono dell'aula da parte dell'opposizioni e la richiesta di dimissioni di Santaniello: "sono l’unico atto che il presidente del Consiglio provinciale potrebbe compiere per recuperare dignità alla funzione svolta ormai esclusivamente in rappresentanza della maggioranza consiliare e non dell’intera Assise” tuonano Paolo Campo, segretario provinciale Pd, e Antonio Prencipe, capogruppo a Palazzo Dogana.

Polemiche strumentali per il centrodestra che - forte dei numeri in aula - va avanti e supera, in ogni caso, lo scoglio consuntivo. 17 voti a favore al documento dell'assessore Cannerozzi De Grazia, più un astenuto: l'ex democratico, oggi Api, Gaetano Cusenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia, è scontro in consiglio: ok al consuntivo. "Santaniello si dimetta”

FoggiaToday è in caricamento