Primo giorno di scuola, ma a Foggia è protesta: “Stop alla teoria del gender”

Lotta Studentesca ha manifestato davanti a quattro istituti scolastici di Foggia di ogni ordine e grado. Angelo D'Emilio: "Cultura contro natura, teoria delirante"

Lo striscione davanti al Giannone

Nel primo giorno di scuola ‘Lotta Studentesca’ mette in piedi un’azione di protesta davanti a quattro istituti scolastici di Foggia: l’elementare San Giovanni Bosco, la materna Giacomo Leopardi, la media Zingarelli e l’ITC Giannone. Davanti a ciascun plesso scolastico il movimento studentesco ha esposto uno striscione e distribuito volantini “per opporsi al preoccupante fenomeno di indottrinamento omosessualista ormai in atto nelle nostre scuole di ogni ordine e grado”.

Queste le parole di Angelo D’Emilio, responsabile regionale per la Puglia del movimento: “Anche quest’anno daremo tregua alle istituzioni tutte le volte che sarà necessario per prevenire la lobotomizzazione della nostra gioventù. Non è accettabile, infatti,, che attraverso la ridicola teoria del gender, si faccia passare nelle scuole come cosa normale la riduzione della figura genitoriale a semplici numeri (genitore 1 e genitore 2) andando a svuotare di significato i rispettivi ruoli all’interno della famiglia, oppure, cosa ancor pi grave, propagandare la folla idea secondo la quale essere uomo o donna è soltanto una convenzione sociale, e che il sesso di un individuo possa essere scelto prescindendo totalmente dal fatto biologico, infatti, senza alcuna sovrastruttura culturale, il maschile e il femminile non soltanto sono differenti, ma fanno la differenza, sono sicuramente complementari e non di certo intercambiabili o opinabili.

Per D’Emilio “la personalità e il carattere si cominciano a delineare fin dalla giovane età, dare ai bambini la possibilità di “scelta” non solo li disorienta ma li fa crescere deboli e insicuri. In una nazione come la nostra dunque, in cui i ragazzi sono sempre più fragili, lontani dai sani valori della tradizione, senza punti di riferimento e lasciati alla deriva dalla nostra classe politica, la soluzione non è certo l’introduzione di una delirante “teoria del gender”. La chiamano”

Conclude l’esponente regionale di Lotta Studentesca: “‘Buona scuola’ ma le premesse stanno dimostrando l’esatto contrario. La nostra idea di gioventù è combattiva, maschia se vogliamo, non “frocizzata” da stereotipi sociali dove l’inversione è la regola e la normalità un disvalore. Anche quest’anno siamo pronti alle barricate”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento