Richiedenti asilo e rifugiati, due famiglie ad Orsara. Il sindaco: “Siamo orgogliosi”

Le due donne e i sette minorenni provenienti da Congo e Camerun, sono stati sistemati in due unità abitative nell'ambito del progetto SPRAR. I bambini hanno già cominciato a frequentare la scuola

Orsara di Puglia

Sono state accolte nei giorni scorsi ad Orsara di Puglia, le prime due famiglie inserite nell’ambito del progetto SPRAR, approvato e ammesso a finanziamento dal Ministero dell'Interno - Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione - nell'ambito del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.

Soggetto attuatore del progetto che riguarda Orsara di Puglia è una ATI, Associazione Temporanea d'Impresa, formata dalle cooperative sociali IRIS di Manfredonia e Medtraining di Foggia. Le famiglie, provenienti dalla Repubblica Democratica del Congo e dal Camerun, vivono in due unità abitative e sono accompagnate nel loro percorso d’integrazione sociale, economico e culturale da un’equipe di operatori.

Per quanto riguarda i nuovi cittadini che risiederanno ad Orsara di Puglia, si tratta di due donne e di sette minorenni che hanno già iniziato a frequentare la scuola da diversi giorni. Due bambini hanno iniziato a frequentare le classi dell’infanzia, in tre siedono tra i banchi della scuola elementare e in due della scuola media. Quello avviato a Orsara di Puglia rientra tra gli interventi di “accoglienza integrata”, che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

SAN GIOVANNI ROTONDO: APRE IL CENTRO D'ACCOGLIENZA STRAORDINARIA

Commenta il sindaco Tommaso Lecce: “Quello di Orsara è un progetto di vera integrazione e ne siamo orgogliosi. Iniziative come questa servono a porre in essere un serio e strutturato tentativo di affrontare le complesse questioni dell’immigrazione. L’auspicio è che il progetto possa procedere nel migliore dei modi, anche con l’aiuto e il coinvolgimento attivo della comunità orsarese, dei singoli cittadini, delle associazioni e del tessuto sociale, culturale ed economico del nostro paese”

Dichiara Rocco Dedda, assessore ai Servizi Sociali e alla Pubblica Istruzione: “I bambini sono stati iscritti a scuola, sono contento della splendida accoglienza e disponibilità fornite finora dalla comunità. Il progetto ha una ricaduta in termini di aiuti umanitari, ma anche di confronto sociale, culturale ed economico, per le figure professionali impiegate e anche per l’acquisto di generi alimentari e vestiti”.

Il progetto prevede una serie di iniziative per l’integrazione delle persone accolte I nuovi cittadini saranno ospitati per un periodo di circa due anni. Saranno impegnati in una serie di corsi, lavori, attività di formazione, crescita, integrazione e scambio con la comunità che li accoglierà.

L’obiettivo è quello dell’integrazione, del confronto e della crescita sociali e culturali, con ricadute positive sul territorio anche in termini economici e occupazionali. A partire dalle esperienze di accoglienza decentrata e in rete, realizzate tra il 1999 e il 2000 da associazioni e organizzazioni non governative, nel 2001 il Ministero dell'Interno Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione, l'Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI) e l'Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (UNHCR) siglarono un protocollo d'intesa per la realizzazione di un "Programma nazionale asilo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nasceva, così, il primo sistema pubblico per l'accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati, diffuso su tutto il territorio italiano, con il coinvolgimento delle istituzioni centrali e locali, secondo una condivisione di responsabilità tra Ministero dell'Interno ed enti locali. La legge n.189/2002 ha istituzionalizzato queste misure di accoglienza organizzata, prevedendo la costituzione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR). Attraverso la stessa legge il Ministero dell'Interno ha istituito la struttura di coordinamento del sistema - il Servizio centrale di informazione, promozione, consulenza, monitoraggio e supporto tecnico agli enti locali - affidandone ad ANCI la gestione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento