Politica

Primarie PD, Bordo chiama e D’Alema risponde: “Mi candido capolista a Foggia”

On. Bordo: "Così il Mezzogiorno tornerà al centro del dibattito politico nazionale". Campo: "Con Cuperlo possiamo iniziare a tracciare il percorso nuovo della sinistra per il tempo nuovo che viviamo”

"A nome dell'area Cuperlo ho chiesto a Massimo D'Alema di candidarsi come capolista a Foggia per le primarie del Pd e lui ha accettato. Siamo onorati di questa sua decisione". Lo dichiara, in una nota, il presidente della commissione alla Camera per le Politiche dell’Unione Europea, l’onorevole del Partito Democratico, Michele Bordo.

"L'ex premier, cittadino onorario di Foggia, ha da tempo un forte legame con la città, con la Capitanata e la Puglia. Sono certo che con la candidatura di D'Alema a Foggia, il Mezzogiorno tornerà al centro del dibattito politico nazionale. Massimo ha dedicato, e dedica, molta parte del suo impegno politico e istituzionale proprio per il Sud del nostro Paese" conclude Bordo.

Sarà quindi Massimo D’Alema il capolista dei candidati all’Assemblea nazionale della provincia di Foggia collegati a Gianni Cuperlo, in lizza per la segreteria nazionale del Partito Democratico. E sarà il presidente della Fondazione Italianieuropei a presiedere l’attivo provinciale dei sostenitori di Cuperlo, in programma giovedì 28 novembre, alle ore 15.30, presso la Federazione provinciale del PD di Capitanata.

Paolo Campo, coordinatore provinciale della Mozione Cuperlo: “Il congresso che svolgeremo fino all’8 dicembre ha come obiettivo, in Italia come in Capitanata, la ricostruzione della nostra comunità politica fondata sui valori che ci uniscono, piuttosto che sulla scelta di un leader purchessia Con questo spirito abbiamo affrontato la fase congressuale territoriale, ottenendo una vittoria che garantirà il diffuso rinnovamento delle idee e dei loro interpreti.

Sostenere Gianni Cuperlo vuol dire battersi fino in fondo per mantenere la promessa fatta, a noi stessi e al Paese, di dedicarci alla costruzione di una sinistra moderna e decisamente alternativa alle culture politiche che hanno dominato gli ultimi decenni. Di un partito forte, guidato da un segretario impegnato costantemente ed esclusivamente al servizio del Partito Democratico per essere al servizio del Paese.

E’ la premessa necessaria all’elaborazione di programmi dotati di una forte identità politica sul lavoro per i giovani e le donne, sulla lotta alle povertà, sulla qualità della vita nei territori, sul modello di sviluppo sostenibile, sul Mezzogiorno. Nodi che si affrontano e si sciolgono coinvolgendo attivamente gli iscritti, liberati dalla deriva correntista, e aprendo alla rete del civismo e delle organizzazioni sociali. Con Gianni Cuperlo possiamo iniziare a tracciare il percorso nuovo della sinistra per il tempo nuovo che viviamo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie PD, Bordo chiama e D’Alema risponde: “Mi candido capolista a Foggia”

FoggiaToday è in caricamento