Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Pozzi artesiani, De Leonardis: “Agricoltori costretti a pagare altri 360 euro a pozzo”

Ecco la del consigliere regionale del Nuovo Centrodestra, Giannicola De Leonardis: “Impossibile rispettare data di scadenza per il rilascio delle concessioni per il prelievo delle acque sotterranee fissate al 30 giugno”

Il consigliere regionale Giannicola De Leonardis non ci sta e punta il dito contro “l’inerzia della Regione Puglia” in merito alle 14mila richieste di regolarizzazione di pozzi artesiani provenienti dalla provincia di Foggia “dopo un sostanziale stallo che si trascina da molti anni”. “Gli agricoltori pugliesi, e della Capitanata in particolare, sono quotidianamente costretti a confrontarsi non solo con gli effetti della crisi economica e della globalizzazione, dell’aumento dei costi che diventa insostenibile se rapportato a prezzi delle produzioni bloccati da anni e abbattuti dalla concorrenza internazionale, ma anche e soprattutto con l’inerzia della Regione Puglia”.

Il prossimo 30 giugno è il termine ultimo di scadenza fissato per il rilascio delle concessioni definitive per il prelievo delle acque sotterranee, che – secondo De Leonardis - sarà ovviamente impossibile rispettare, data la mole di pratiche ancora inevase.

L’esponente NCD aggiunge: “Pertanto, per l’inefficienza della macchina burocratica, gli agricoltori si vedranno costretti a pagare un ulteriore obolo di 360 euro a pozzo, per uso irriguo: soltanto dopo questo ulteriore e beffardo passaggio, infatti, gli Uffici Utenti Motori Agricoli (ex Uma Regione), oggi delegato ai comuni, potranno rilasciare il relativo buono per accedere al gasolio agevolato, un sollievo indispensabile per lo svolgimento delle loro attività”

Giannicola De Leonardis conclude: “E’ necessario allora che gli assessorati competenti (Lavori pubblici e Agricoltura) sollecitino uno slittamento del termine previsto, per rivedere profondamente l’intera problematica e la gestione del servizio Acque, alla luce dell’ulteriore stallo determinato dal ritorno di competenze in materia, dalle province alla Regione. E auspicando l’arrivo in tempi celeri di nuovo personale, per rafforzare una macchina burocratica ormai al collasso in particolare nella provincia di Foggia, e riuscire finalmente a evadere le pratiche in giacenza, senza gravare ulteriormente sugli addetti di un comparto già in grave difficoltà, e alla vigilia della nuova stagione agricola e delle colture da programmare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pozzi artesiani, De Leonardis: “Agricoltori costretti a pagare altri 360 euro a pozzo”

FoggiaToday è in caricamento