menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
'Posto Occupato' in Consiglio comunale

'Posto Occupato' in Consiglio comunale

Via libera al 'Posto Occupato' in aula consiliare, ma salta discussione sul Testamento Biologico

Dura nota del gruppo consiliare di Sinistra Ecologia e Liberà, che valuterà attentamente la propria posizione e la propria permanenza in maggioranza

Nel giorno della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, dopo la discussione del primo accapo sul ‘Posto Occupato’ (campagna si sibilizzazione promossa in rete “www.postoccupato.org” e proposta dal settimanale on line La Grande Testata), in Consiglio comunale, ancora una volta, salta il dibattito sul registro per il Testamento Biologico, complice la mancanza del numero legale. “Dai banchi della maggioranza e dell'opposizione, che in parte si allontana come se questo fosse un tema di appartenenza ideologica (meglio definibile come opportunismo politico) si sono avute diverse assenze che hanno impedito il dibattito” tuona il gruppo consiliare di Sinistra Ecologia e Libertà”

“Questa coalizione fatica, annaspa, perde di vista il senso e l'importanza delle cose che servono alla città e ai cittadini. Non si parla del solo Testamento biologico, che già di per se rappresenta motivo valido per rimanere in aula, ma di tanti altri accapi che hanno urgenza di essere discussi e deliberati. Sinistra Ecologia e Libertà non può rimanere indifferente di fronte a tali comportamenti, a una siffatta farsa, una pantomima che non aggiunge nulla ad un già degenerativo processo di scomposizione di una sommatoria di consiglieri che non hanno più molto da dirsi, vittime di se stessi e della loro volontà deprecabile di proiettarsi già alle prossime consultazione elettorali. Pertanto Sinistra Ecologia e Liberà valuterà attentamente la propria posizione e la propria permanenza in maggioranza” tuonano il capogruppo Michele Sisbarra e il consigliere con delega alla Legalità, Leonardo De Santis.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento