Piani di zona, le critiche della Cisl irritano la Roberto: “Incoerente il comportamento dei vertici”

L’assessore alle politiche sociali risponde alle critiche dei segretari generale e territoriale Di Conza e Costantino: "Entrambi hanno condiviso le linee programmatiche esposte lo scorso 7 luglio"

Sono sinceramente amareggiata per le dichiarazioni riprese dagli organi di informazione del segretario generale della Cisl Emilio Di Conza e della segretaria territoriale Carla Costantino. E’ questo il commento a caldo dell’Assessore alle Politiche sociali e vicesindaco di Foggia Erminia Roberto.

L’assessore risponde subito a Di Conza, il quale nella nota congiunta con la segretaria territoriale, aveva parlato della necessità di ‘Ripartire dal confronto con le parti sociali e di migliorare la concertazione e la partecipazione al tavolo permanente istituito negli Ambiti, per entrare nel merito della rendicontazione dei PSZ 2014/2016, ma soprattutto nella nuova programmazione 2017/2019, e così tentare di risolvere le tante criticità che interessano tutti i cittadini e le loro famiglie’.  “Mi permetto di ricordargli che il 7 luglio scorso l’Ambito territoriale di Foggia ha presentato la rendicontazione richiesta alle organizzazioni sindacali, presente per la Cisl proprio Carla Costantino, in una riunione di concertazione – riprendo testualmente il verbale dell’incontro – per l’aggiornamento del PSZ in relazione alla prosecuzione dello stesso per l’annualità 2017, in assenza del nuovo Piano Regionale delle Politiche Sociali. In quell’occasione abbiamo illustrato tutti i servizi già avviati, dall’assistenza specialistica agli alunni disabili ai servizi e alle strutture per i minori, dal Reddito di Dignità al PON inclusione, i Piani di Azione e Coesione (PAC) infanzia e anziani, e ogni singola attività prevista dal Piano Sociale di Zona con i dati relativi agli utenti che hanno usufruito dei vari servizi e sono stati illustrati anche importanti progetti presentati alla Regione Puglia nell’ambito del Programma antiviolenza”.

“Per amor del vero – continua la Roberto – nel verbale Carla Costantino viene citata unicamente per il suo intervento inerente il nuovo Codice degli Appalti, e alle ore 12,30 quell’incontro si è concluso con le organizzazioni sindacali che hanno preso atto e convenuto su tutto quanto evidenziato condividendo le linee programmatiche esposte. Eppure la stessa Carla Costantino, che quel verbale lo ha firmato, adesso evidenzia come l’obiettivo prioritario sia dare risposte alla crescente complessità dei bisogni del nostro tessuto sociale caratterizzato da profondi mutamenti socio-demografici ed economici. Pensiamo, per esempio, ai fondi PAC infanzia e PAC anziani, alla necessaria integrazione tra il SAD e l’ADI, alle tutele della disabilità, alla problematica delle misure SIA/RED, per le quali è necessario il diretto coinvolgimento dell’ASL e dei Centri per l’impiego. Senza dimenticare la necessaria attenzione per le politiche di genere, le dipendenze patologiche, il contrasto alla povertà e le politiche abitative”.

“Sono da sempre una convinta sostenitrice della necessità di un’adeguata concertazione ed una reale partecipazione con le organizzazioni sindacali – conclude l’assessore alle Politiche sociali – e perciò continuerò a preferire quella nelle sedi istituzionali, costruttiva e propositiva, a quella declamata attraverso comunicati stampa, che spesso producono il risultato di rendere poco credibili e incoerenti proprio chi li firma oltre ad alimentare sfiducia e confusione. E il personale nell’Ambito Territoriale di Foggia continuerà a lavorare come e più di sempre, preferendo dedicarsi alle persone e alla comunità piuttosto che alle polemiche sterili e assolutamente prive di fondamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento