Sportelli sociali, botta e risposta tra Curia e Comune. Pelvi irremovibile: "No grazie, non siamo interessati"

La proposta del Comune rispedita al mittente: "Alla luce dei criteri pastorali e giuridico-amministrativi sono a confermare che la Diocesi non è interessata a partecipare a questa progettualità proposta dall'Amministrazione comunale"

Immagine di repertorio

Continua il carteggio tra Curia e Comune di Foggia in merito agli ormai famosi 'sportelli sociali'. Una vicenda che ha avviato un vivace botta e risposta tra Pelvi e Landella, e che vede una replica - la seconda - da parte del prelato. 

In una lettera indirizzata al Sindaco Franco Landella, al Dirigente dei Servizi Sociali e Prevenzione, Maurizio Guadagno e ai parroci della città, mons. Pelvi risponde alla richiesta di assenso alla gestione del servizio di 'sportelli sociali' da parte delle parrocchie che sarebbero - cita testualmente - "direttamente destinatarie del finanziamento previsto all'interno del Piano Sociale di Zona".

Quindi la risposta di Pelvi: "Alla luce dei criteri pastorali e giuridico-amministrativi e delle motivazioni espresse nella mia comunicazione del 14 giugno sono a confermare che la Diocesi non è interessata a partecipare a questa progettualità proposta in via sperimentale dall'Amministrazione comunale".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Musica d'estate in Capitanata: tutti i concerti a Foggia e in provincia

  • Foggiana rifiutata, milanese "razzista e salviniana" ritratta: "Colpa della menopausa, disposta ad affittarle casa senza cauzione"

  • Neonato morto a Foggia, famiglia chiede 1,7 milioni ai Riuniti. Gli avvocati: "Cause non ascrivibili ai sanitari dell'ospedale"

  • Milanese nega affitto a ragazza foggiana: "Sono razzista e leghista". Salvini : "È una cretina"

  • Maxi rissa a Foggia, paura e sangue in via Bagnante: il bilancio è di sette arresti e due persone in ospedale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento