menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Napoleone Cera

Napoleone Cera

Patto per la Puglia, Miglio fa incavolare Cera: “Gargano ignorato, solo mulattiere”

Napoleone Cera si scaglia contro Miglio e la cabina di regia provinciale, che ha licenziato il documento con le opere da realizzare in provincia di Foggia all'interno del Patto per la Puglia

Il conto presentato dalla Capitanata a Emiliano per la programmazione delle opere da finanziare attraverso il ‘Patto per la Puglia’, non piace a Napoleone Cera: “Ma che razza di programmazione è questa? E’ un’offesa per la Capitanata”.

Il consigliere regionale dei ‘Popolari’ critica il documento licenziato da Miglio e dalla cabina di regia provinciale, evidenziando “i due comuni miracolati dall'elenco delle opere da realizzare”, San Severo e Lucera. “Benissimo il treno-tram. Ottimo il miglioramento del collegamento Manfredonia-Cerignola. Vada anche per l'orbitale a Foggia, per la piattaforma logistica ferroviaria e per la Pedegarganica Apricena-Manfredonia. Ma qual è la strategicità della SP 109? E la tangenziale est di San Severo?”

Incalza Napoleone Cera: “A me pare che Miglio se la suona e se la canta senza tenere conto delle reali esigenze della Capitanata e ignora tutto il Gargano, distribuendo solo briciole per la SSV garganica e per altre importanti infrastrutture. Non vorrei che nella nuova programmazione si sia recuperato il progetto del treno-tram a discapito di tutto il resto del Gargano. Così Miglio vuole collegamenti veloci per una parte del territorio, mentre si condanna la popolazione garganica a utilizzare mulattiere e sentieri”.

Il consigliere regionale di San Marco in Lamis conclude: “È ora che Emiliano intervenga con decisione. Non è più tollerabile una programmazione motu proprio di Miglio e della sua combriccola che mortifica il territorio e dimentica che lo sviluppo della Capitanata non è questione per pochi intimi.

Ecco i progetti contenuti nel documento sottoscritto dal presidente della Provincia di Foggia, dai sindaci del capoluogo dauno, di Manfredonia, Cerignola, San Severo e Lucera, dal presidente della Camera di Commercio, dal vicepresidente di Confindustria e dai segretario generali confederali della Cgil, Cisl e Uil di Capitanata: la Piattaforma Logistica ferroviaria integrata retro portuale Incoronata-Foggia (progetto esecutivo di 40 milioni di euro); il treno tram Lucera-Foggia-Manfredonia (progetto definitivo di 50 milioni di euro.

In più le opere di completamento delle infrastrutture stradali del CIPE 62: l’Orbitale di Foggia II Lotto (progetto preliminare euro 10 milioni); la Tangenziale Est di San Severo (progetto definitivo 20 milioni); la strada provinciale 109 Lucera-San Severo (progetto esecutivo € 10 milioni); la Sp 28 Pedegarganica (progetto esecutivo € 6 milioni); la Sp 77 Manfredonia-Cerignola (progetto definitivo di 5 milioni); la Sp 130 Lucera-Alberona (progetto esecutivo di 6,5 milioni di euro) e la Sp 141 Manfredonia-Zapponeta (progetto esecutivo di € 9 milioni).

Il testo del documento elaborato nel corso dell’incontro relativo al ‘Patto per la Puglia’ svoltosi a Palazzo Dogana richiama l’attenzione anche su altre pluralità di idee-progetto che, già presenti in tutti i documenti di programmazione agli atti, restano di grande importanza per il futuro della Provincia di Foggia, progettualità per le quali si propone l’utilizzazione di € 5 milioni quale fondo di rotazione per gli interventi riguardanti: la strada a scorrimento veloce del Gargano, la Pedesubappenninica, la Strada Statale 16 Foggia-San Severo, il Piano delle Acque e il Porto di Manfredonia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento