Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Parlamentarie, il cinquestelle La Riccia non ci sta: "Avete deluso parecchi attivisti"

"Si è avverato quello che ho detto io già da quattro o cinque giorni". Per Luigi La Riccia ci sarebbe stata una manovra dall'alto per blindare i parlamentari uscenti in collegi e listini. Ai parlamentari pentastellati l'ex candidato alla Regionali 2015, chiede qual è la differenza tra loro e il PD. "Se una cosa del genere l'avesse fatta il PD sarebbe stato uno scandalo"

 

All'attivista di San Marco in Lamis del Movimento 5 Stelle abbiamo rivolto qualche domanda

Se non l’avessero esclusa dalle Parlamentarie avrebbe sostenuto le stesse cose?

Sono stato sempre obiettivo e trasparente, anche in passato, e questo si evince dai post del mio profilo Facebook. Non sono un fan ma una persona che ragiona, quindi, come è sempre successo, l'avrei detto anche prima

Queste cose la ha denunciate pubblicamente anche prima delle Parlamentarie?

Ma certamente! Le ho dette ad alcuni parlamentari a Rimini, le ho scritte anche sulla mia bacheca con un post, probabilmente non in maniera cosi incisiva, ma il senso era comunque lo stesso. Come atto di denuncia formale no, anche perche non c'è stata occasione, ma in rete tra attivisti e addetti ai lavori sono ormai cose risapute

Qual è stato a suo parere il motivo della sua esclusione?

Davamo fastidio agli uscenti, perché eravamo comunque quotati e con parecchi voti on line, specie di opinione. Non solo io ma anche altri, anche perché sul territorio poi materialmente ci siamo noi e non i parlamentari uscenti

Lei crede che le indicazioni siano arrivate anche dalla provincia di Foggia e dalla Puglia?

Le indicazioni sono arrivate dai referenti del territorio

E chi sono?

Rosa Barone, Antonella Laricchia ed i parlamentari a cui interessava la riconferma

Sono loro che rappresentano quindi il Movimento 5 Stelle a Foggia e in Provincia?

Il M5S lo rappresentano i portavoce, di sicuro La Barone e Laricchia sono Dimaiane di ferro

La democrazia nel M5S esiste?

Democrazia significa ‘Governo del Popolo’. In tal senso sul programma c'é stata apertura e democrazia, sulle candidature no.

Con le parlamentarie ritiene quindi che la democrazia sia stata violata

Sulle candidature negli ultimi 50 anni tutti hanno violato la democrazia. Se i parlamentari uscenti ci avessero detto come stavano le cose li avremmo capiti. Comunque nessuno, se non i cinquestelle, avrebbe candidato sconosciute cittadine come la Faro e Gisella Naturale in posizione chiave nel listino. Questo è un merito del movimento

Ma è stata violata?

Più che la democrazia ha avuto la meglio la voglia di poltrona di alcuni con la complicità dei fedelissimi

Ma non si era detto che uno valesse uno?

Non è mai stato così da quando il movimento. Così non è, uno vale uno significa solamente che il mio voto vale quanto quello di Di Maio e cioè uno.

Nel video parla di epurazioni. Mi chiedo, ma quando altri cinquestelle in passato sono stati cacciati voi dove eravate?

In Puglia in questi termini non è stato epurato nessuno

Era d’accordo tutte le volte che cacciavano qualcuno?

Sempre che si tratti di epurazioni, perche non sempre è cosi. In genere io le ho vissute sempre di profilo, interessandomi poco perché sono avvenute in zone dove non conosco bene i fatti

Non sarà forse che ci si ribella solo quando tocca a noi e mai agli altri

Io parlo per me, se fosse successo dalle parti nostre, per come sono fatto, mi sarei sicuramente espresso

Nel video lei parla del regolamento asserendo che nessuno lo avrebbe mai votato. Perché non lo ha detto prima?

Quando lo avrei dovuto dire, è uscito in contemporanea con le candidature che sono scadute il 15 gennaio.

E chi l’ha votato

Io no e nemmeno gli attivisti

Quindi?

A me non mi è stata sottoposta nessuna votazione in merito

Quindi uno non vale uno

Lei fa una cattiva interpretazione dell'uno vale uno. La mia parola non è uguale alla sua, quello che ci accomuna è che il suo voto vale uno come il mio.

Ma un regolamento si approva con dei voti, evidentemente non di tutti

Lo so, per questo mi sono lamentato

I cinquestelle sono davvero così volgari e offensivi come Lei sostiene nel video?

No non dico questo, nessuno dei due. Dovrebbero portare la rabbia della gente in maniera diplomatica

Lei parlando dei motivi che hanno portato all'esclusione dei candidati alle Parlamentarie, sostiene che se avessero dovuto escludere i candidati o gli attivisti per turpiloquio il movimento avrebbe avuto numeri da prefisso. Quindi sta dicendo che tanti sono volgari e offensivi

No, io ho detto che nel regolamento hanno messo come una delle possibili esclusioni il turpiloquio, ma gli attivisti veri che fanno politica sul territorio sono nati tutti dal 'Vaffanculo Day'. Quindi, se non fosse stato per questo avremmo percentuali di consenso più basse

Quindi il movimento avrebbe eliminato i candidati per turpiloquio, grazie al quale però il movimento è cresciuto. E' come se il movimento 5 stelle a un certo avesse deciso di punisse se stesso, o una parte di se stesso. Non trova?

In un certo senso è proprio quello che volevo far capire. Le motivazioni delle esclusioni non ci sono state fornite, quindi non saprei dirle. Di certo è che nel regolamento una delle cause è il turpiloquio.

Lei parla anche di potentati e di una rete creata ad hoc. Possibile che dopo tanti anni di attivismo se ne sia accorto solo ora? O forse le conviene solo ora vuotare il sacco per vendetta o risentimento?

Della cosa dei referenti tutto l'attivismo ne era cosciente già dal 2016

Ma Lei è risentito?

Non sono risentito dall’esclusione ma dall’andazzo generale. L’esclusione passa, quello che fa male a molti di noi è aver perso anni di battaglie

Perché perso?

Abbiamo perso l’identità originaria

Ma ora c’è ‘Partecipa, scegli, cambia’, lo slogan di Di Maio

Meglio questo slogan che la solita minestra riscaldata dei partiti tradizionali

Si può davvero partecipare, scegliere o cambiare?

E' doveroso partecipare per cambiare, svegliare i cittadini partendo dalle comunità locali, per le loro comunità.

Proverà a candidarsi ancora in futuro?

Non penso, non so il futuro cosa ci porterà. Per ora no

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento