Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

Buco da mezzo milione nelle casse di Ataf, Barone (M5S): "Sindaco e azienda spieghino"

Il duro commento di Rosa Barone in seguito al credito insoluto da mezzo milione di euro che la partecipata foggiana dei trasporti vanterebbe nei confronti della Protect Srl

Grazie all’inchiesta curata da FoggiaToday, apprendiamo di un probabile buco di circa mezzo milione di euro nelle casse di Ataf. Se questo caso di malagestione venisse confermato, a pagare sarebbero ancora una volta i cittadini. Per questo pretendiamo delle spiegazioni sia dall’azienda che dal sindaco Franco Landella, che detiene la delega alle partecipate” questo il duro commento della consigliera regionale M5S Rosa Barone, in seguito alle notizie delle ultime ore riguardanti il probabile credito insoluto da mezzo milione di euro che la partecipata foggiana dei trasporti vanterebbe nei confronti della Protect SRL, l’azienda che dal 2016 si occupa dello svuotamento dei parcometri in città.

Le precisazioni della Protect Srl

“Un ammanco non indifferente - prosegue Barone - che inevitabilmente si rifletterebbe sul servizio trasporti curato dalla società di cui il Comune di Foggia è socio unico. Chi avrebbe dovuto vigilare? In passato il sistema di vigilanza di ogni singola colonnina era telecontrollato, perchè non si è proseguito su questa strada? Ma soprattutto qualora questo ammanco sia verificato, il Comune come pensa di risponderne davanti la cittadinanza? Vorrei ricordare che solo poco tempo fa ai lavoratori Ataf è stato chiesto di sopportare una riduzione dello stipendio proprio per aiutare il bilancio della partecipata foggiana. Un sacrificio vano qualora venisse dimostrato questo caso di malagestio. Per queste ragioni - conclude - chiediamo prima di tutto che si faccia chiarezza per rispetto di tutti i lavoratori e di tutti i cittadini foggiani che sarebbero chiamati a sopportare il peso di queste vicende.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buco da mezzo milione nelle casse di Ataf, Barone (M5S): "Sindaco e azienda spieghino"

FoggiaToday è in caricamento