menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il FAI Puglia preoccupato per le sorti del Parco del Gargano, Russo: "Grave la spaccatura sulla terna dei direttori"

Nota del Fai regionale. "La decisione sulla terna, presa escludendo deliberatamente la condivisione di criteri e l’apporto della componente tecnica di matrice ambientalista, non può portarci molto lontano"

"Da più di un anno e mezzo il Parco nazionale del Gargano è senza Presidente e da oltre tre anni manca anche il Direttore, sostituito da una funzionaria facente funzioni. Non sfugge a nessuno l’importanza del Parco per la tutela e la valorizzazione delle risorse ambientali e artistiche, nonché del patrimonio immateriale che vi è ospitato. Per conseguire questi obiettivi è necessaria la massima condivisione tra tutti i soggetti impegnati nel suo governo. Per questo troviamo molto grave la spaccatura che si è determinata, nella scelta della terna per la nomina del direttore, tra i rappresentanti delle associazioni ambientaliste, del Ministero dell’ambiente e dell’Istituto per la Ricerca e la protezione ambientale (ISPRA), da un lato, e i rappresentanti della comunità dei sindaci dall’altra". Sulla vicenda iterviene il FAI regionale con Saverio Russo.

"La decisione sulla terna, presa – da quel che leggiamo - escludendo deliberatamente la condivisione di criteri e l’apporto della componente tecnica di matrice ambientalista, configura un’idea di Parco come bene che “appartiene” solo ai sindaci. Un’idea poco lungimirante, che non può portarci molto lontano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Compro 3mila dosi del vaccino Sputnik con la mia indennità"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento