Zona Tribunale: Miranda non basta, il parcheggio resta a pagamento

In aula consiliare l’interrogazione del consigliere Luigi Miranda per la sospensione servizio di parcheggio a pagamento in zona Tribunale, trova il “no” del l’amministrazione comunale

Luigi Miranda

E’ stata discussa ieri mattina dal consigliere comunale, l’avv. Luigi Miranda, l’interrogazione avente ad oggetto l’ipotesi di sospensione del servizio di parcheggio a pagamento nella zona di Viale Primo Maggio – Palazzo di Giustizia di Foggia.

Alla luce della chiusura delle sedi provinciali dei tribunali, il consigliere comunale ha interrogato l’amministrazione sulla possibilità di abolire il servizio di parcheggio a pagamento nella zona antistante il Palazzo di Giustizia. L’interrogazione è stata motivata dal fatto che, allo stato attuale, nel Tribunale cittadino è concentrato un immenso carico giudiziario dovuto alle soppressioni delle altre sedi distaccate.

“Considerato che già prima il Palazzo di Giustizia di Foggia era di per sé insufficiente a servire la macchina giudiziaria della sola città capoluogo a causa degli spazi limitati - ha sostenuto Miranda - si è preso atto che anche questioni basilari come il parcheggio sono diventate causa di disagio e di disservizio per gli avvocati oltre che per l’utenza del capoluogo e della provincia. Diventa utile, nonché necessario, che si provveda almeno ad agevolare il servizio di parcheggio su tutto il viale primo Maggio, garantendo una sosta non a pagamento”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il consigliere Miranda auspicava che l’amministrazione comunale potesse dare, con questa sospensione del parcheggio a pagamento, un proprio apporto al fine di rendere meno disagevole l'accesso al Palazzo di Giustizia, ma purtroppo la risposta è stata negativa, il consiglio non ha ritenuto infatti necessario, senza neanche fornire sufficienti spiegazioni, porre in essere il provvedimento, che a ben guardare sembrava assolutamente giustificato. “Mi auguro che l’amministrazione possa rivedere la propria posizione - ha dichiarato Miranda - considerata la rilevanza della questione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento