Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica Cerignola

Dal 'Modello Ercolano' alla 'Tariffa disincentivante', il PD di Cerignola riparte dal 'Pacchetto Legalità'

Ad illustrarlo è il capogruppo Daniele Dalessandro: nell'agenda il “Modello Ercolano”, la “Tariffa disincentivante” e la creazione del marchio “Locale No Slot”

Il centrosinistra esce allo scoperto, a Cerignola, e presenta il suo “Pacchetto di Legalità e Trasparenza”. I punti affrontati sono presto detti: adozione del “Modello Ercolano” (cioè esenzione totale dalle tasse comunali per tre anni alle vittime di pizzo e usura che denunciano), “Tariffa disincentivante” (ovvero un taglio del 20% della Tari a bar e locali che non installano slot machine) e creazione del marchio comunale “Locale No Slot”. Ancora la delibera “Trasparenza a Costo Zero” promossa da Libera.

Ad illustrare le varie misure del “Pacchetto” è Daniele Dalessandro, capogruppo del Partito Democratico: “In data 2 dicembre abbiamo protocollato tutti gli atti e le nostre proposte saranno discusse durante il prossimo Consiglio comunale, appositamente autoconvocato da tutti i consiglieri del centrosinistra. Potevamo discuterle già durante l’ultimo Consiglio ma abbiamo ritenuto opportuno il rinvio ad anno nuovo, per non “schiacciare” il tema della Legalità e della Trasparenza - a cui teniamo particolarmente - tra il punto dedicato alla mensa e il probabile calo dell’attenzione dell’opinione pubblica dovuto alle festività”.

“Modello Ercolano, Tariffa disincentivante, marchio 'No Slot', e poi i provvedimenti di Libera: anagrafe degli eletti ma anche di chi è nominato dalla politica a guidare società controllate e partecipate dal Comune, trasparenza economica e dei bilanci delle società suddette, adozione della Carta di Pisa, istituzione di un tavolo per la trasparenza, forme di tutela per i dipendenti pubblici o i politici che denunciano episodi di corruzione, open data sui beni confiscati e cioè cosa, come e chi gestisce i beni sottratti alle mafie. È questo, in sintesi, l’insieme delle nostre misure a sostegno della legalità e della trasparenza”.

“Sono perfettamente consapevole che l’implementazione di queste misure richiederà ulteriori atti e che il percorso per la piena applicazione dei principi di legalità, trasparenza e contrasto dei fenomeni di ludopatia sia lungo e complesso, ma la Politica cittadina ha l’obbligo morale di iniziare ad occuparsene, in un momento in cui la Capitanata è particolarmente sensibile alle problematiche del malaffare e della cattiva gestione della cosa pubblica. Spero vivamente che il Consiglio Comunale si esprima all’unanimità su queste proposte” conclude il capogruppo dei democratici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 'Modello Ercolano' alla 'Tariffa disincentivante', il PD di Cerignola riparte dal 'Pacchetto Legalità'

FoggiaToday è in caricamento