Forza Italia ad Orta Nova perde pezzi: tre consiglieri comunali formano ‘Noi di Destra’

Si tratta dei consiglieri comunali Davide Quiese, Alfredo Ballatore e Antonio Aghilar, oltre all’assessore Antonio Attino

Ad Orta Nova tre consiglieri comunali della maggioranza lasciano Forza Italia e costituiscono ‘Noi di Destra’: si tratta di Davide Quiese, Alfredo Ballatore e Antonio Aghilar. In un comunicato stampa le motivazioni

“Quali consiglieri di maggioranza diamo comunicazione che nel corso del recente Consiglio Comunale, abbiamo costituito un gruppo politico autonomo in seno alla maggioranza amministrativa. In quanto rappresentanti di una componente politica significativa, siamo giunti alla determinazione di abbandonare la militanza nel partito politico che abbiamo fino ad oggi rappresentato in Consiglio, a seguito di una serie di contrasti che non consentono più di proseguire un cammino unitario.

I continui attacchi alla maggioranza senza alcuna logica o ragione plausibile e ancora meno senza un preliminare confronto nella sede di partito, ha portato ad assumere in autonomia decisioni e prese di posizione che non sono da ritenersi compatibili con le ragioni di legittima rappresentatività in seno al governo comunale. Una tale condizione, pertanto, non consente di procrastinare ulteriormente un rapporto, né una rappresentanza credibile, in quanto non rispondente  alle benché minime ragioni di crescita e di chiara connotazione politica.

Non vi sono ragioni, né comportamenti plausibili che possano giustificare di essere presenti in maggioranza e al tempo stesso all’opposizione. Non si può essere forza di governo quando vi sono da difendere posizioni o interessi personali che finiscono col non coincidere con quelli generali della collettività. La dimostrata coerenza nel sostenere il sindaco Tarantino e l’attuale maggioranza e ancor più la consapevolezza di anteporre i bisogni e le attese dei cittadini a qualsiasi interesse di altra natura, ci guida fin dal primo istante del nostro insediamento.

 

Questi principi ci accomunano e ci accompagnano per tutto il percorso che stiamo affrontando, anche a costo di scelte sofferte come quella di lasciare una componente politica di grande peso e rilievo nazionale come Forza Italia. La coerenza e la lealtà profusi nell’impegno assunto con i cittadini prevale su ogni altra condizione, che in ogni caso non definisce strategie plausibili ma evidentemente solo condizioni di ripicche e rivalse personali che non esprimono contenuti e ancor meno ragioni logiche condivise o condivisibili. Pertanto, riteniamo di proseguire nell’attività di governo locale con la costituita nuova componente politica di natura civica, aperta al confronto e al dialogo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento