Zona Ordona-Lavello, Pietrocola: “Precedenza alle urbanizzazioni primarie”

Realizzato il 64% a fronte della cubatura di edilizia residenziale pari al 54%. Marasco: “verso la soluzione di una ‘vertenza civica’ in corso da mesi”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“Nella zona di Ordona Lavello le urbanizzazioni primarie hanno avuto la precedenza sulle case e presto gli uffici rilasceranno il permesso per l’esecuzione di quelle secondarie, indispensabili a migliorare la qualità della vita dei residenti”. E’ il commento dell’assessore ai Lavori pubblici Leonardo Pietrocola all’esito dell’incontro, svoltosi nella mattinata di ieri, con l’assessore alla Qualità e all’assetto del territorio Augusto Marasco ed i rappresentanti del comitato civico Ordona-Lavello e dell’Edil Ambiente Srl.

Quest’ultima ha prodotto la documentazione da cui risulta la realizzazione del 64% delle urbanizzazioni primarie a fronte del 54% della cubatura di edilizia residenziale. Le opere di urbanizzazioni secondarie, invece, potranno realizzarsi “a partire dal giorno successivo al ritiro del permesso a costruire”, questo l’impegno assunto dall’impresa. Accolto dal presidente del comitato civico che ha espresso l’auspicio della conclusione di questi interventi entro la fine del 2014.

“E’ bastato armarsi di buona volontà e capacità di ascolto per avviare a soluzione una ‘vertenza’ civica in corso da mesi – commenta l’assessore Augusto Marasco – Ora bisognerà vigilare che uffici comunali e impresa tengano fede agli impegni assunti nei confronti dei cittadini, gli interessi dei quali sono stati valorizzati dall’azione politica dell’Amministrazione comunale”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento