Diversi feriti nonostante l’ordinanza anti botti. Landella: “Rivendico bontà del provvedimento”

Landella punta il dito contro chi ha evidenziato l’inutilità dell’ordinanza. Ventisette le violazioni rilevate dagli agenti della Municipale. L’assessore Amorese: “Ordinanza sindacale ha prodotto effetti positivi”

Immagine di repertorio

Landella prova a respingere le critiche in merito all’efficacia o meno dell’ordinanza sindacale 46 del 23 dicembre scorso in materia di vendita ed utilizzo di fuochi pirotecnici: “Ha prodotto una sensibile diminuzione della loro vendita e del loro utilizzo nei giorni immediatamente antecedenti il 31 dicembre. Al netto del clamori della cronaca nazionale per i feriti che si sono registrati in città, come d’altro canto è accaduto in molte altre parti d’Italia (senza però destare uguale attenzione da parte dei media nazionali), rivendico la bontà dell’iniziativa che ho inteso assumere”

Il primo cittadino prova a fare chiarezza e difende l’ordinanza: “La mole di fuochi pirotecnici venduti ed utilizzati in questa fine d’anno è senza ombra di dubbio inferiore a quanto accaduto negli anni precedenti. Un risultato ascrivibile per un verso all’ordinanza sindacale e per l’altro ad un migliore e maggiore senso di responsabilità della comunità cittadina”.

E sottolinea: “Purtroppo i riflettori dei media nazionali si sono accesi più su quanti sono rimasti feriti piuttosto che su questo dato che considero confortante. D’altronde casi di ferimento analoghi a quelli di Foggia si sono registrati in altre città, senza che tuttavia destassero un simile interesse”

Il sindaco di Foggia aggiunge: “Dispiace, dunque, che in molti non abbiano saputo cogliere il valore ed il senso del provvedimento adottato e che, peggio, abbiano parlato di una ordinanza che potevamo evitare di emettere vista la sua inutilità. Una falsità grave, che a mio avviso pone quanti l’hanno sostenuta alla stessa stregua di chi l’ha violata, perché riflette l’idea che sia superfluo mettere in campo strumenti finalizzati a far rispettare le regole e combattere l’illegalità”

CAPODANNO 2016, IL BILANCIO DEI FERITI E DEGLI ATTI VANDALICI

Amorese, assessore con delega alla Municipale, tira fuori i numeri: “Gli agenti hanno rilevato 13 violazioni della stessa. Nel corso dell’attività di prevenzione e repressione della vendita abusiva su area pubblica di artifici pirotecnici, sono state inoltre rilevate 14 violazioni per occupazioni stradali non autorizzate. In totale, dunque, a seguito dell’attività complessiva posta in essere sono state rilevate 27 violazioni. Va poi sottolineato come nel corso delle attività sono state rimosse due strutture precarie adibite alla vendita e sono state fatte smontare sei strutture in fase di allestimento”.

L’assessore difende il lavoro svolto dal corpo dei vigili urbani: “È dunque di tuta evidenza come il corpo di Polizia Municipale abbia fatto fino in fondo la sua parte e come l’ordinanza sindacale abbia prodotto effetti positivi. È altrettanto chiaro, alla luce dei feriti che ci sono stati, che esistono cittadini che continuano ad ignorare o a sottovalutare la pericolosità dei fuochi pirotecnici illegali. Un’abitudine contro la quale l’Amministrazione comunale continuerà a fare la sua parte, mettendo in campo tutti gli strumenti utili ad affermare legalità, rispetto delle regole e sicurezza”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • 170 pazienti in terapia intensiva e 1392 in area non critica in Puglia. Nel Foggiano covid-free solo due comuni su 61

Torna su
FoggiaToday è in caricamento