Milioni di euro non riscossi dal Comune di Foggia: per Mainiero "un giochetto degli imprenditori che dura da 15 anni"

Giuseppe Mainiero solleva un tema cruciale per le casse comunali: anni di oneri di urbanizzazione non versati dall'imprenditoria locale, "rischio maxi danno erariale per l'ente Comune"

“Combattere l’evasione fiscale è un dovere. La politica deve però applicarlo senza ignorare o far finta di non vedere zone d’ombra. Peccato che di chiedere ad alcuni imprenditori edili  il versamento degli oneri di urbanizzazione relativi ai Permessi di Costruire dalle parti del Comune di Foggia nessuno ci pensa”. Giuseppe Mainiero, capogruppo Fdi al Comune dii Foggia, solleva il tappeto di un argomento quasi sempre taciuto dalla politica locale, comunicando che sul punto ha depositato un’interpellanza urgente al Sindaco Franco Landella, “perché intendo conoscere quali iniziative l’Amministrazione comunale intenda porre in essere per realizzare una puntuale riscossione degli oneri di urbanizzazione mai versati al Comune, se non nella fase del versamento volontario da parte dei titolari dei permessi a costruire”.

“Il giochetto è semplice – spiega il consigliere-, ritiro il permesso a costruire versando  1/4 della somma prevista, per i restanti 3/4 deposito una polizza fideiussoria a garanzia del pagamento delle somme restanti in successive 3 rate. Peccato però che se non verso le restanti 3 rate a nessuno verrà mai in mente di chiedermele, nè tantomeno – rivela- verrà escussa la polizza: è quello che è accaduto a Foggia almeno dal 2003”.15 anni di mancati introiti per le casse comunali, diversi milioni di euro non riscossi.

“A partire dal 2015 avevo personalmente provveduto a rilevare al Presidente del Collegio dei Revisori del Comune di Foggia, alla Sezione Controllo della Corte dei Conti Puglia, al Sindaco di Foggia, al Segretario Generale ed ai Dirigenti ai Servizi Contratti, Lavori Pubblici, Urbanistica, Avvocatura e Finanziari, le evidenti “discrasie” tra le somme accertate, reversali e riscossioni inerenti agli oneri di urbanizzazioni (SUE-SUAP 2004-2018)” ricorda Mainiero. “Alla mia richiesta di ottenere copia delle “liste di carico” afferenti le attività di accertamento, riscossione e dell’eventuale recupero coattivo da parte del Concessionario AIPA SPA-MAZAL GLOBAL SOLUTION SRL non è stato dato alcun riscontro, cosa accaduta anche per una precedente interrogazione da me presentata sempre sulla stessa materia”.

“Inutile ribadire che l’inadempimento grave del Concessionario Aipa spa dall’amministrazione Landella non è mai stato eccepito, cosa che avrebbe consentito tra l’altro la legittima risoluzione contrattuale evitando gli inutili, oltre che costosissimi, contenziosi” sferza.

“Finita la stagione di AIPA SPA-MAZAL GLOBAL SOLUTION SRL e subentrata la società ADRIATICA SERVIZI SRL, ho provveduto a rinnovare questa richiesta, anche in ragione della positiva azione coattiva posta in essere dal nuovo Concessionario relativamente ai Tributi TARI (con un + 400%), IMU (+ 120%).  ADRIATICA SERVIZI SRL, dal canto suo, ha spiegato che questa situazione è il frutto della inadempienza di AIPA SPA-MAZAL GLOBAL SOLUTION SRL comunicando di aver inoltrato all’Amministrazione comunale una richiesta per ottenere “un elenco nominale recante i contribuenti, intestatari dei permessi a costruire, in ordine ai quali non risulta traccia di versamento alcuno”.

“La lotta all’evasione fiscale va compiuta a 360 gradi, colpendo senza distinzione i forti e i deboli” tuona oggi l’esponente Fdi. “È inconcepibile come a fronte della giusta solerzia con cui si è perseguita l’evasione di TARI e IMU dei cittadini foggiani, vi sia stata da parte dell’amministrazione Landella una sostanziale indifferenza per i crediti del Comune nei confronti degli imprenditori che operano nel settore dell’edilizia

Giustizia vuol dire applicare lo stesso metodo con tutti, nessuno escluso. Dalle risultanze del Conto di Gestione si evidenziano, tra l’altro, non riscossi in larga misura i “Fitti Attivi” - di cui agli alloggi di proprietà dell’ente laddove agli assegnatari non sempre corrisponde chi ci risiede, nella assoluta inerzia degli uffici comunali-, la riscossione dei canoni delle strutture sportive, e dei tributi cosiddetti “minori”.

“Il Comune di Foggia – conclude Mainiero- ha il dovere di consentire rapidamente al Concessionario Adriatica Servizi SRL di poter positivamente operare avviando le procedure coattive anche per gli Oneri di Urbanizzazione, trattandosi tra l’altro di crediti certo garanti da polizze fideiussorie, in ragione della decorrenza dei termini di prescrizione cagionerebbe un evidente e ingente danno erariale all’Ente; risorse che andrebbero subito impiegate per il rifacimento di strade e marciapiedi ormai impercettibili e non degni di una città civile”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento