menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Prostituzione, droga e contrabbando", la Lega foggiana chiama Salvini: "Quella baraccopoli va rasa al suolo"

Intervento del segretario provinciale Daniele Cusmai a margine della notizia sulla cattura oggi del quarto uomo coinvolto nell'omicidio della 16enne romana, che si nascondeva presso l'ex pista adiacente al Cara

Sulla cattura di Yusif Salia, il quarto uomo che sarebbe coinvolto nell'omicidio di Desirée Mariottini, arrestato a Foggia, interviene il segretario provinciale della Lega, Daniele Cusmai

“Siamo davvero stanchi di doverne parlare ancora una volta, ma ritroviamo Borgo Mezzanone sulle cronache nazionali per l’arresto del quarto uomo che che avrebbe stuprato e ucciso Desiree Mariottini. Un immigrato clandestino del Gambia, trovato nella baraccopoli che circonda il Cara di Borgo Mezzanone, in possesso anche di dieci chilogrammi di marijuana. Una decina di giorni addietro abbiamo ricevuto la visita dei nostri onorevoli Sasso, Tateo e Tonelli, quest’ultimo anche segretario nazionale del SAP, per portare la solidarietà agli agenti aggrediti sempre a Borgo Mezzanone, dopo un semplice posto di blocco. Continuiamo a ribadire che la baraccopoli di Borgo Mezzanone va rasa al suolo e smantellata al più presto possibile. Un luogo nel quale si pratica prostituzione, spaccio, contrabbando, è stata trovata una donna carbonizzata e dove perfino nemmeno le forze dell’ordine riescono ad entrare è intollerabile. Bisogna mettere fine a questa illegalità a cielo aperto e sotto gli occhi di tutti. Siamo certi che il nostro Ministro, Matteo Salvini, profonderà tutto l’impegno possibile su questo fronte, che già grazie al Decreto Sicurezza ha visto eliminare l’impunità a cui la sinistra aveva abituato" conclude Cusmai.

Landella: "Caro ministro, Foggia ha bisogno di te"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento