menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Costantino Valentino Sassano

Costantino Valentino Sassano

"Cagatona comunista"' a consigliera comunale del Pd di San Nicandro. Sassano tranchant: "Polverone inutile"

Il consigliere della Lega è convinto che sia stato "montato un caso per cose inesistenti" e sposta l'attenzione sull'oggetto dell'intervento della consigliera Arcangela Tardio che avrebbe scatenato la sua reazione

"È stato montato un caso, ovvero alzato un polverone, per cose inesistenti". Il consigliere comunale di maggioranza a San Nicandro Garganico, in quota Lega, Costantino Valentino Sassano, nell'occhio del ciclone per una esternazione durante la riunione in videoconferenza del 30 novembre scorso, fornisce la sua versione.

Dopo il suo intervento, il microfono era rimasto aperto e si è sentita distintamente l'espressione "cagatona comunista" mentre prendeva la parola la consigliera Arcangela Tardio. "Con riferimento alle allusioni del Pd circa ipotetiche e fantascientifiche offese alla consigliera Tardio non so proprio che dire - afferma all'indomani il consigliere Sassano - la registrazione del Consiglio comunale è accessibile a tutti e tutti posso ascoltare".

Premette di non aver mai offeso una donna in vita sua, per educazione familiare e per cultura accademica, "e mai lo farò perché ho troppo rispetto per le donne". Aggiunge che nella sua carriera professionale - è avvocato - ha sempre evitato di difendere persone che avessero commesso violenze e abusi su donne e bambini: "La mia é  una vera e propria obiezione di coscienza in merito". Sassano sposta l'attenzione sull'oggetto dell'intervento della consigliera Arcangela Tardio che aveva preso la parola per leggere la lettera di una bambina rivolta al sindaco per denunciare alcune inefficienze ed esprimere i desiderata dei piccoli cittadini. Circostanza che avrebbe provocato la reazione del consigliere Sassano: "I bambini vanno tenuti fuori dalle beghe politiche e non devono essere strumentalizzati per una squallida propaganda politica". Suggerisce di non perdere tempo per "inutili e infondate polemiche tragicomiche". E non sa a cosa si riferisca il Pd: "Vi é stato un polverone alzato volutamente e inutilmente senza senso; chi vuole far cadere l'amministrazione comunale lo faccio con gli strumenti legali se ha i numeri in Consiglio comunale".

Interpellato telefonicamente, ribadisce che "non c'è stata alcuna frase offensiva nei confronti della consigliera". Giustifica la sua irrisione che aveva interrotto l'intervento della consigliera come un "appunto" su un atteggiamento che lo aveva infastidito e che considerava mera strumentalizzazione. A domanda diretta sull'appellativo irriguardoso, sembra averlo rimosso: "Cagatona comunista? Non lo so". Annuncia azioni legali nei confronti di alcuni politici che "hanno scritto l'inverosimile".

"Mi stupisce - conclude - che quando le persone subiscono degli attentati criminali (lui ha subito un incendio a gennaio, ndr) allora non si scatena alcuna gara di solidarietà, da destra e da sinistra, tutti zitti e con la testa sotto la sabbia. E adesso si è scatenata la solidarietà non so per che cosa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento