Braccio di ferro sul deposito rifiuti a San Severo, vincono i residenti: "No in via Carli"

Il sindaco Francesco Miglio e la conferenza dei capigruppo hanno deciso di chiedere alla Regione Puglia una proroga sui tempi, per consentire al Consiglio comunale di individuare un nuovo sito con caratteristiche simili

La riunione dei capigruppo

Braccio di ferro sul centro di raccolta e deposito rifiuti a San Severo, vincono i residenti. Cancellata dal progetto l’opzione di via Mario Carli/via Gentile, che aveva provocato le reazioni dei cittadini: il sindaco Francesco Miglio e la conferenza dei capigruppo hanno deciso di chiedere alla Regione Puglia una proroga sui tempi di realizzazione, per consentire al Consiglio comunale di individuare un nuovo sito con caratteristiche simili.

Proprio nell’intento di ascoltare le richieste dei cittadini – spiega Miglio – con i capigruppo di tutte le forze che compongono l’Amministrazione comunale si è valutata in extremis la possibilità di chiedere alla Regione una breve proroga. L’allungamento dei tempi di realizzazione del progetto e di rendicontazione ci consentirebbe in consiglio comunale di individuare un sito idoneo e dalle caratteristiche simili a via Gentile dove ubicare il centro di raccolta ed avviare subito l’iter necessario per la relazione geologica e tutto ciò che occorre per la prosecuzione dell’iter”.

La conferenza dei capigruppo si aggiornerà lunedì 25 luglio per fare il punto della situazione. “Se la Regione dovesse esprimersi in maniera negativa rispetto a questa proposta – conclude Miglio – siamo pronti ad incontrare i residenti per definire con gli stessi un protocollo di intesa finalizzato ad avviare iniziative di compensazione ambientale e di abbellimento del rione che ospiterà il centro di raccolta, che ritirerà in ogni caso solo vetro, plastica, alluminio, carta e legno”.

Porta a casa un prima vittoria, dunque, Soccorsa Chiarappa, vicepresidente provinciale di Fare Ambiente: “Un primo passo è stato fatto, ora bisogna procedere concretamente allo spostamento burocratico del sito. Dalla conferenza di servizi, emerge la volontà di trasferire il sito in altra zona. Infatti, la proposta ha trovato da parte del comune di San Severo accoglimento per la realizzazione della struttura in via Martiri di Cefalonia”.

Con cauta soddisfazione, il comitato di quartiere e Fare Ambiente hanno espresso parere favorevole per l’atteggiamento propositivo dei tecnici comunali, che ora dovranno fare le comunicazioni alla regione entro il 25 luglio per non perdere i finanziamenti che consentirebbero la realizzazione del deposito. “Raccogliamo un primo risultato ma non molliamo la presa in attesa di un prossimo incontro”, spiega Chiarappa “quando si parla di ambiente e salute dell’uomo bisogna prevedere anche conseguenze pericolose, motivo per cui vogliamo che il deposito venga realizzato alla giusta distanza dal centro abitato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento