rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Politica

I commissari rimestano nella tecnostruttura: nuovi incarichi ai dirigenti, Salvemini via dai Servizi Sociali

Nuovo modello organizzativo al Comune di Foggia. Smistati gli incarichi ai dirigenti

A dieci mesi dal suo insediamento, i commissari mettono mano alla tecnostruttura del Comune di Foggia, ma non si può parlare di una rotazione. Rimescolano, semmai, i Servizi. Dal 15 giugno diventeranno effettivi i nuovi incarichi assegnati con il decreto firmato ieri da Marilisa Magno, Rachele Grandolfo e Sebastiano Giangrande. Sarebbero quelli definitivi, validi per tutta la durata della gestione provvisoria.

Quella che viene fatta passare come una ridistribuzione e razionalizzazione dei carichi di lavoro finisce per apparire come un ridimensionamento di alcune figure dirigenziali. La riduzione delle competenze determinerà anche una nuova pesatura delle posizioni dirigenziali.   

Servizi Sociali, Pubblica Istruzione e Canile passano di mano. La dirigente Silvana Salvemini, che ha seguito le pratiche infuocate della chiusura delle scuole dell’infanzia comunali, la controversa procedura di affidamento del Centro Antiviolenza, le gare andate deserte per la ricerca di un rifugio per i randagi e l’altrettanto annoso caso del centro per anziani Palmisano, solo per citare alcuni dossier bollenti, è stata trasferita all’area amministrativa, che mescola funzioni ascrivibili ai servizi demografici e agli affari generali. Continuerà, però, a gestire le Politiche Abitative, altro tasto dolente. Al collega Carlo Dicesare restano i Servizi Finanziari, addio Cultura, Teatro e Museo. Le Politiche Sociali ora gravano sul segretario generale.

Si assiste ad una ulteriore polverizzazione dei Servizi all’interno delle Aree che dovrebbero raggruppare attività omogenee. La commissione straordinaria completa l’opera avviata a dicembre. Le risorse umane sono addirittura spalmate in due Aree diverse. Ne deriva una diversa allocazione delle nuove posizioni organizzative, 33 in tutto.

I ritocchi alla macrostruttura

Lo scorso 7 giugno, la commissione straordinaria aveva approvato la riorganizzazione dell’assetto organizzativo e la ridefinizione della macrostruttura dell’ente che si sostanziava nell’istituzione di due nuove Aree e nella riallocazione di funzioni e Servizi. Il nuovo organigramma prevede 8 strutture dirigenziali compresa la Polizia Locale, oltre all’Avvocatura Civica. L’Area 7 'Ambiente e Sicurezza' per il momento risulta vacante e i relativi servizi sono stati smistati ad interim a cinque dirigenti. Le aree sono state riconfigurare in vista delle imminenti procedure concorsuali per l’assunzione di tre dirigenti, così da definire nei bandi il profilo professionale e i requisiti.

I commissari avevano già operato una prima revisione della macrostruttura il 23 dicembre 2021. Le aree dirigenziali erano passate da 5 a 6, oltre all’Avvocatura Civica. Era stata istituita l’Area Urbanistica e Ambiente dove incardinare l’ultimo ingegnere reclutato, Concetta Zuccarino. Con apposito decreto commissariale del 29 dicembre erano stati rimodulati gli incarichi dirigenziali.

La tecnostruttura risente da anni della carenza di personale. Su 14 figure dirigenziali previste in dotazione organica, all’arrivo dei commissari solo 6 risultavano coperte.  A marzo, nel nuovo Piano del fabbisogno, è stata inclusa l’assunzione a tempo pieno e indeterminato di 3 figure dirigenziali, con profilo tecnico, profilo amministrativo e un dirigente Avvocato.

La nuova ripartizione degli incarichi dirigenziali

Silvana Salvemini perde il Servizio Sociale e Prevenzione, Politiche della Famiglia, e dunque, le Politiche Sociali, la Pubblica Istruzione e le scuole dell’infanzia comunali e asilo nido, ma restano in capo al suo ufficio le Politiche Abitative. Ora dirige la cosiddetta Area 1 'Amministrativa’ che comprende Archivio e Protocollo; Messi Notificatori; Urp; Politiche Abitative; Stato Civile; Elettorale e Leva; Servizi Demografici; Anagrafe; Statistica e Censimento. Ad interim le sono stati affidati le Politiche Giovanili, Sicurezza Ambiente di Lavoro, Datore di Lavoro (Servizi delle Aree 4 e 7).

Carlo Dicesare perde la Cultura e i Grandi Eventi e dirige i Servizi dell’Area 2 'Finanziaria e Fiscalità Locale': Gestione Contabile ed Economato; la parte contabile del Servizio Risorse Umane; Fiscalità e Tributi; Programmazione finanziaria. Niente Turismo, Spettacoli, Museo Civico, Pinacoteca, Palazzetto dell’Arte e Siti Archeologici che sembrano assumere un ruolo marginale nella nuova macrostruttura. Lascia anche Sport, Politiche Giovanili e Gemellaggi.

Sono stati affidati al Capo di Gabinetto Maria Concetta Valentino gli incarichi dirigenziali dell’Area 3 'Affari Generali': la parte giuridica del Servizio Risorse Umane; Servizio Cultura; Sport e Turismo; Politiche del Lavoro; Controllo delle Società Partecipate; Servizi Informatici – Ced. Ad interim le è stata attribuita la direzione dell’Avvocatura Civica, unità di staff che per il rispetto del principio di autonomia dovrebbe essere separata dall’apparato amministrativo. Le sue precedenti funzioni sono passate a Silvana Salvemini.

Al segretario generale Maria Giuseppina D’Ambrosio sono state trasferite le funzioni dell’Area 4 'Servizi alla Persona', vale a dire il Servizio Sociale e Prevenzione, il Servizio Pubblica Istruzione, Asilo Nido e Scuole dell’Infanzia, prima affidati alla dirigente Silvana Salvemini. Nel precedente decreto, si occupava, tra le altre cose, del Controllo di Gestione, del Servizio Amministrativo e Contabile delle Risorse Umane e del Servizio Avvocatura.

L’ingegnere Francesco Paolo Affatato dirige i Servizi dell’Area 5 'Lavori Pubblici e Patrimonio': Edilizia Scolastica; Strutture sportive e Prevenzione dei rischi; Patrimonio, Inventario Beni Comunali; Servizio Contratti ed Appalti e Provveditorato acquisti; Politiche comunitarie. Ad interim si occupa dei Servizi dell’Area 7 Servizio gestione e manutenzione Reti e sottoservizi, pubblica illuminazione, fogna bianca e nera. Rispetto alla precedente rimodulazione delle funzioni di direzione perde i rapporti con l’Amiu finalizzati al rinnovo del contratto di servizio per la gestione dell’igiene urbana della città di Foggia e dell’impianto di biostabilizzazione e la direzione dell’Ufficio di Gestione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata.

L’ingegnere Concetta Zuccarino, l’ultima arrivata a dicembre, dirige gli stessi Servizi, ora ricompresi nell’Area 6 'Urbanistica e Sviluppo economico': Urbanistica, Pianificazione, Sviluppo del Territorio – Sue (Sportello Unico dell'Edilizia);  Suap (Sportello Unico Attività Produttive); Agricoltura. Ad interim si occuperà anche di Ambiente e Sviluppo Sostenibile Verde Pubblico, Igiene Urbana (Servizi adesso ricompresi nell'Area 7).

Al comandante della Polizia Locale Romeo Delle Noci restano Mobilità e Traffico Pubblico Urbano e Protezione Civile ma, ad interim, si occuperà anche di randagismo e tutela animali. È confermata la nomina di vicesegretario generale del Comune di Foggia.

nuova macrostruttura-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I commissari rimestano nella tecnostruttura: nuovi incarichi ai dirigenti, Salvemini via dai Servizi Sociali

FoggiaToday è in caricamento