Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica Centro - Cattedrale / Corso Vittorio Emanuele

Attivisti cinquestelle in piazza: le firme dei cittadini per dire ‘No Triv al Salice’

L’amministrazione comunale ha chiesto una terza perizia, mentre i cinquestelle chiederanno al Comune di non dare parere favorevole alla perforazione esplorativa

Dal verbale della conferenza di servizi, tenutasi negli uffici della Provincia il 27 marzo, alla quale hanno partecipato i rappresentanti della Medoilgas, ASL, ARPA, rappresentanti del Comune, movimenti di cittadini contro le trivellazioni e le associazioni ambientaliste, si legge: “Il Comune di Foggia, nella persona dell’assessore all’Ambiente dott. Russo, dichiara che l’amministrazione comunale ritiene non esaustive le interrogazioni e gli studi effettuati e richiede una perizia terza”.

LE DOMANDE DEGLI ATTIVISTI 5 STELLE | Noi, cittadini di Foggia e attivisti del M5S, ci chiediamo e domandiamo chi dovrà pagarla questa perizia? Perché noi cittadini dobbiamo farci carico dei costi di un tecnico che debba attestare la pericolosità di effettuare delle trivellazioni ed eventualmente in futuro l’estrazione di gas metano in una zona residenziale?

Con quale criterio andranno in deroga (la legge lo permette), se lo faranno, alla valutazione di impatto  acustico permettendo che cittadini, residenti anche a 100 mt dalla zona interessata alla trivellazione esplorativa, dovranno subire H24 per 28 giorni, tempo necessario per raggiungere la profondità programmata, un inquinamento acustico costante di 42 dB? La salute dei  cittadini può andare in deroga?

Visto che nel PTCP Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Foggia (PTCP) si  legge che il territorio interessato dalla trivellazione esplorativa è soggetto al fenomeno di subsidenza, ovvero, all’abbassamento di più o meno estese porzioni di terreno già con il solo sfruttamento della falda acquifera, come si intende arginare tale fenomeno se questo sarà accentuato da una eventuale estrazione di gas metano?

Si vuole realmente mettere a rischio la stabilità degli edifici, non solo del Salice, ma della città? Quale sarà la tecnica di estrazione che verrà utilizzata? Tenuto conto che studi hanno confermato che il fracking, una delle tecniche di estrazione di gas dal sottosuolo, può accentuare l’attività sismica e il nostro territorio è già zona ad alto rischio sismico. La nostra sicurezza, la nostra salute può andare in deroga per gli interessi economici di terzi?

Da sabato 5 aprile, a partire dalle ore 18, gli attivisti di Foggia, sulla zona pedonale, inizieranno a raccogliere le firme dei cittadini con la quale chiederanno al Comune di non dare parere favorevole alla perforazione esplorativa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attivisti cinquestelle in piazza: le firme dei cittadini per dire ‘No Triv al Salice’

FoggiaToday è in caricamento