rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Politica

Nicola Marino: “Giudice laico e riforma dell’ordinamento”

"L'incontro con il presidente della Camera dei Deputati è da considerarsi come l'apertura di una nuova fase di rapporti tra l'avvocatura italiana e le istituzioni centrali"

La giunta dell'Organismo Unitario dell'Avvocatura ha incontrato il Presidente della Camera dei Deputati Fini. Il vice presidente nazionale dell'OUA, il cerignolano Nicola Marino, ha commentato: “L’incontro con il presidente della Camera dei Deputati è da considerarsi come l’apertura di una nuova fase di rapporti tra l’avvocatura italiana e le istituzioni centrali”.

"L'incontro con il presidente della Camera dei Deputati è da considerarsi come l'apertura di una nuova fase di rapporti tra l'avvocatura italiana e le istituzioni centrali". E' il commento dell'avvocato Nicola Marino, vice presidente nazionale dell'Organismo Unitario Avvocatura italiana, dopo l'incontro tenutosi a Roma tra il presidente della Camera Fini e la rappresentanza della giunta nazionale dell'OUA guidata dal presidente De Tilla. "Abbiamo esposto a Fini le nostre principali proposte e aspettative, ha commentato il vice presidente Marino, che vanno dalla creazione della figura del giudice laico alla riforma dell'ordinamento. Ci sono 240mila avvocati in Italia che attendono risposte alle problematiche quotidiane che si ripercuotono anche sul cittadino".

Dopo l'incontro con Fini, la giunta OUA ha salutato il vice presidente della Camera Antonio Leone. "Tra avvocati appartenenti allo stesso foro, ha sottolineato Nicola Marino riferendosi al Tribunale di Foggia, è stato possibile anche parlare della realtà meridionale che si differenzia da quella di altre zone d'Italia per le difficoltà strutturali. Ma quello che ci preme di più è che venga accolta la richiesta di proroga di un anno per la media conciliazione". L'OUA in questi giorni ha avviato una serie di consultazioni con le istituzioni e gli organismi legati al sistema giudiziario. "La prima cosa che ho fatto dopo il mio insediamento, continua l'avvocato Marino, è stata quella di incontrare il presidente del Consiglio Nazionale Forense, Guido Alpa, persona straordinaria con cui avremo modo di avviare un dialogo sempre più costruttivo. Abbiamo in comune la volontà di lavorare per garantire un futuro più positivo al sistema dell'avvocatura italiana".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nicola Marino: “Giudice laico e riforma dell’ordinamento”

FoggiaToday è in caricamento