Motta Montecorvino rifiuta migranti. Tarquinio: "È difficile non essere dalla parte della comunità"

Così il senatore dei Conservatori e Riformisti, Lucio Tarquinio, che chiede ad Alfano di intervenire: "Rivedere politiche accoglienza o governo si prepari a tante Gorino"

Lucio Tarquinio

"È difficile non essere dalla parte della comunità di Motta Montecorvino. Il problema esiste e si sta facendo di tutto per farlo implodere, esasperando le comunità". Così il senatore Lucio Tarquinio sui fatti che hanno interessato recentemente il piccolo comune del Subappennino Dauno, dove il consiglio comunale ha deliberato, qualche giorno fa, l'impossibilità di accogliere migranti.

IL SINDACO: "SE ARRIVANO CI DIMETTIAMO"

"C'è chi ha parlato della Gorino di Puglia. Io aggiungo, e non lo dico da oggi, che tante Gorino rischiano di emergere se il Governo italiano non decide di metter subito mano ad una seria politica di accoglienza" ribadisce il rappresentante dei Conservatori e Riformisti a Palazzo Madama."Come gruppo CoR abbiamo più volte palesato le nostre perplessità in aula, invitando il ministro Alfano ad assumere iniziative non più procrastinabili a tutela e salvaguardia anzitutto del futuro e della dignità di coloro che giungono nel nostro Paese con la speranza di una vita migliore" prosegue Tarquinio

Il senatore aggiunge: "Non è dignitosa una politica di confino in terre disagevoli e bisognose finanche dei servizi minimi, altra questione di cui questo Governo, che tanto parla di Sud, dovrebbe occuparsi. Ma non è questo il punto, ora. Piuttosto, andrebbe calibrata con un serio piano d'azione la politica di ingresso e di primissima accoglienza dei migranti, evitando di caricare la gestione del fenomeno in capo alle sole Prefetture, e condividendo gli interventi con i sindaci dei luoghi, che non possono vedersi esclusi da accordi che rischiano di essere mere leve di profitto per soggetti privati".

Conclude il parlamentare CoR: "È di tutta evidenza che un siffatto modus operandi rischia non solo di acuire un sentimento di esasperazione già diffuso nelle nostre genti, ma di minare la coesione sociale ed istituzionale del nostro Paese, provocando crepe nei rapporti tra gli enti territoriali di cui il ministro Alfano dovrebbe seriamente preoccuparsi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento