Cerignola “alza l’asticella”, il sindaco gongola e se la ride. “E invece non ha piovuto”

Franco Metta esprime soddisfazione per le celebrazioni della Santa Patrona ma non risparmia critiche a "chi rema contro la città". La condanna dei consiglieri comunali di Federazione Civica

Piazza Duomo stracolma, foto dal profilo FB di Franco Metta

All’indomani del concerto di Max Gazzè, in una piazza Duomo stracolma, il sindaco di Cerignola affida a Facebook l’analisi sull’organizzazione della ‘Festa patronale’: “E’ stata una serata magica, festa perfetta e riuscitissima. Questa è Cerignola, la nuova Cerignola”

Il primo cittadino si prende, si fa per dire, la rivincita nei confronti di chi a suo parere avrebbe voluto che il maltempo rovinasse i festeggiamenti: “Perché sempre , ahimè, ci saranno coloro che per odio personale, per odio di parte, per nichilismo distruttivo, per insensibilità congenita, aridità di cuore, per pura stupidità, remeranno contro la Città. Sono, ridiamoci su, arrivati fino al punto di augurare e annunciare alluvioni purché a Cerignola fosse negata la sua processione, il suo concertone, la sua festa. E invece non ha piovuto”

Anche i consiglieri di Federazione Civica esprimono soddisfazione per le celebrazioni della Santa Patrona: “L’obiettivo che ci eravamo prefissati quest’anno era scardinare delle consuetudini e delle abitudini consolidate e diventate endemiche nel tessuto della nostra comunità e agire con la massima trasparenza, ma purtroppo non tutti hanno remato nella stessa direzione”.

Proseguono i consiglieri comunali di maggioranza: “Gli unici biglietti consegnati ai cittadini dall’assessorato alle Politiche Sociali sono stati quelli riservati alle famiglie che hanno presentato un modello Isee da 0 a 3mila euro, con a carico bambini da 2 a 12 anni di età, oltre che ai minori dell’associazione Ave, dell’Orfanotrofio Buonconsiglio e ai nuclei familiari seguiti dai Servizi Sociali. L'Amministrazione Comunale, dunque, ha deciso per i biglietti che erano nella propria disponibilità”.

E poi sottolineano: “Inoltre, a riprova della fermissima intenzione di eliminare quel malcostume anche e soprattutto per rispetto nei confronti di tutti i cittadini, nessun membro di Federazione Civica ha facilitato l’ingresso di persone o amici nel backstage del concerto di Max Gazzè”.

Federazione Civica conclude: “Noi condanniamo e ci dissociamo dall’atteggiamento poco rispettoso perpetrato durante questi tre giorni di festa. Auspichiamo che in futuro non si ripropongano determinati episodi, che di fatto vanificano il lavoro svolto da chi veramente si sta impegnando a dare un volto nuovo alla città e a cambiare, se non stravolgere, abitudini attuate in passato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento