Blitz di Casapound a Palazzo di Città: manichini appesi contro il degrado

Per denunciare i mali che affliggono Foggia: i rifiuti, il precariato e il disagio sociale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Blitz nella notte da parte di esponenti di CasaPound Italia. Sono comparsi i manichini davanti alla sede del Comune per protestare contro l'estremo stato di degrado in cui versa il capoluogo dauno. Su ognuno di loro un cartello diverso: "Soffocato dai rifiuti", per porre l'attenzione all'emergenza spazzatura, dovuta ai problemi finanziari di Amica, l'ex municipalizzata preposta; "Cittadino, non fantoccio", per ribadire che i foggiani sono stanchi e pretendono dalle istituzioni soluzioni urgenti e determinanti. "Sommerso dal precariato", per denunciare la gravissima situazione lavorativa della città che tra disoccupazione e lavoro nero ormai è strozzata da una crisi economica che si fa sentire più che altrove.

"Foggia è una città dalla storia importante - dichiara Rocco Finamore, responsabile provinciale di CasaPound Italia - ma negli ultimi anni è stata abbandonata ad un declino indecoroso. La comunità foggiana ha tutte le carte in regola per risollevarsi, ma occorre una volontà politica forte e determinata e una maggiore trasparenza nella gestione della cosa pubblica”.

Una città deve essere un luogo dignitoso e non un'oasi di sopravvivenza stentata – continua il responsabile di Cpi - noi non ci arrendiamo, perché amiamo Foggia e in modo pacifico e creativo, ma ostinato, continueremo sempre a sottolineare i mali che la attanagliano, soprattutto se le soluzioni sono possibili ma manca la volontà politica, sociale e economica".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento