Miranda si prende la Lega di Foggia: è il nuovo segretario cittadino (in attesa del treno che porta a Bari)

Luigi Miranda è il nuovo segretario cittadino della Lega di Foggia

Luigi Miranda

Luigi Miranda segretario cittadino della Lega. Ciò che era nell’aria da giorni si è concretizzato questa mattina. Lo annuncia lo stesso avvocato sulla sua pagina Facebook. “Cari amici, con vivo piacere comunico che nel corso della riunione odierna della segreteria cittadina della Lega, sono stato eletto con l’unanimità dei presenti, pari a 28 voti favorevoli sui totali 38 componenti della segreteria, alla carica di segretario cittadino della Lega. Ringrazio tutti gli amici per l’onore che mi hanno concesso con il loro consenso. Adesso al lavoro perché la lega sia il primo partito alle prossime elezioni comunali del 26 maggio.#fermimai”.

Doppio risultato in brevissimo tempo dunque per l’avvocato foggiano, prima candidato alle primarie e oggi commissario del partito. Fuori Antonio Vigiano, subcommissario indicato da Caroppo qualche tempo fa. Si concretizza così l’operazione Sario Masi, primo sponsor di Miranda, avviata subito dopo le primarie con la sottoscrizione di un documento che chiedeva al segretario regionale una figura di riferimento per organizzare al meglio il partito in vista della campagna elettorale. Operazione benedetta da Caroppo, evidentemente, che consegna così a Miranda/Masi il partito di Salvini a Foggia. 

“Il risultato odierno, di cui sono onorato, deriva direttamente dalla campagna elettorale delle primarie per l’individuazione del candidato sindaco del centrodestra. È la conseguenza di un lavoro intenso grazie al quale siamo riusciti a creare un diffuso senso di fiducia e di vicinanza con la segreteria cittadina e i militanti tutti della Lega. Con loro, durante e dopo la campagna per le primarie, si è sviluppato un intenso rapporto politico e abbiamo immaginato percorsi e progetti che vedono la Lega partito guida della coalizione di centrodestra. Il ruolo della Lega – continua Miranda –  sarà determinante per la vittoria del centrodestra alle comunali del capoluogo, il 26 maggio prossimo e per garantire, successivamente, il buon governo della città con l’introduzione, nel programma elettorale della coalizione centrodestra, di punti programmatici provenienti dalla Lega”.

A nulla sono valse le autocandidature di Fariello, Contini e alcuni altri stamattina, per frenare i tempi della decisione La motivazione ufficiale con cui Antonio Vigiano sarebbe stato estromesso è che il consigliere uscente deve candidarsi alla prossima tornata elettorale e quindi il “doppio ruolo” non andrebbe bene (in un partito dove il doppio ruolo, di segretario federale e vicepremier, ce l’ha lo stesso Salvini. Ma tant’è).

Il che lascia desumere che Miranda, dopo aver incassato la candidatura a sindaco e aver perso le primarie, non si candiderà più. Aspettando il treno “regionali”. E con un partito in mano, la strada Bari diventa certamente più in discesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento