rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Politica Immacolata / Piazza Padre Pio da Pietralcina

I Giovani Avvocati di Foggia dicono “no” ai locali di piazza Padre Pio

La sezione di Foggia dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati si rivolge alle istituzioni chiedendo la costruzione di un nuovo plesso del Tribunale all’interno dell’area di viale I Maggio

L’avv. Gianluca Guerrasio, in qualità di presidente della sezione dell’AIGA di Foggia, scrive al ministro della Giustizia Andrea Orlando, al presidente del Tribunale di Foggia Domenico De Facendis, al procuratore della Repubblica di Foggia Leonardo Leone De Castris e al sindaco Franco Landella, chiedendo loro di assegnare la massima priorità - anche in termini di risorse – alla costruzione di un nuovo plesso del Tribunale all’interno dell’area di viale I Maggio, definendola “l’unica soluzione realmente definitiva e in linea con le finalità di risparmia della spesa pubblica e di razionalità organizzativa per tutte le componenti della giurisdizione.

Nella lettera, la sezione di Foggia dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati, ricorda come il Comune abbia sottoscritto un contratto per la locazione dell’immobile di piazza Padre Pio finalizzata al trasferimento di alcune sezioni del Palazzo di Giustizia, ma di come la scelta risultati “del tutto irrazionale sotto il profilo dell’opportunità trattandosi di un immobile “non progettato specificatamente per l’attività da espletare”, “sito in zona prettamente residenziale, del tutto privo di parcheggi, distante dalle vie d’accesso alla città e dagli altri plessi giudiziari e istituzionali. E “ospitante anche un supermercato, con grave nocumento per l’immagine di un palazzo destinato ad attività giurisdizionale”.

I giovani avvocati dell’AIGA aggiungono: “I costi di affitto risultato del tutto sproporzionati, tanto che la pratica risulterebbe manchevole del parere di congruità dell’Agenzia del Demanio”; sulla vicenda “pende un procedimento penale non ancora concluso”. Non mancherebbero, secondo Guerrasio, i disagi per gli avvocati che risiedono fuori Foggia che per espletare la propria attività forense sarebbero costretti a dividersi in tre zone diverse della città.

Si legge ancora nella lettera-appello: “La perplessità in merito a tale scelta, del resto, è stata esplicitata anche dal presidente del Tribunale di Foggia il quale ha proposto una soluzione alternativa consistente nella costruzione, all’interno dell’attuale sede del Palazzo di Giustizia di viale I Maggio, di ulteriori plessi volti ad ospitare le sezioni oggetti del trasferimento a Piazza Padre Pio”.

La sezione di Foggia dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati conclude: “E’ nostro dovere farci promotori del malcontento dell’intera avvocatura del Foro di Foggia e dei colleghi provenienti dalle soppresse sezioni distaccate

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Giovani Avvocati di Foggia dicono “no” ai locali di piazza Padre Pio

FoggiaToday è in caricamento