La rosa dei diritti, l’On. Lello Di Gioia visita il carcere di Foggia

Partito Socialista Italiano: Al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema del sovraffollamento delle carceri

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Dalle molteplici visite effettuate nelle carceri italiane, anche a seguito di numerosi casi di cronaca che le hanno riguardate, emerge drammaticamente lo stato emergenziale in cui versa l’intero sistema penitenziario nazionale.

Risulta, inoltre, che il sovraffollamento della popolazione carceraria, la fatiscenza e inadeguatezza delle strutture sono contrari ai dettami del decreto del presidente della Repubblica 30 giugno 2000, n. 230  “Regolamento recante norme sull'ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà”.

I vari governi via via succedutisi nel passato non hanno attuato alcuna politica finalizzata al recupero di strutture penitenziarie già preesistenti, preferendo invece avviare la costruzione di nuove strutture che ha comportato ingenti impegni finanziari per i contribuenti con l’elargizione massiccia di denaro pubblico.

Al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema del sovraffollamento delle carceri, l’ufficio Diritti civili, Carceri ed Emigrazione della direzione del partito guidato da Luigi Iorio, ha deciso di organizzare sabato 25 maggio una giornata di mobilitazione nazionale dal titolo "La rosa dei diritti" che prevede, tra l’altro, una ispezione nei principali istituti penitenziari italiani da parte della delegazione parlamentare del PSI.  L’on. Lello Di Gioia visiterà le case circondariali di Foggia e Melfi.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento