Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Lega boccia il governo Landella ma è pronta a (ri)prendersi il Comune di Foggia: "Con un vero centrodestra"

Intervista ai consiglieri comunali di Foggia Joseph Splendido, Raimondo Ursitti, Paolo La Torre e al capogruppo Antonio Vigiano

 

Alla ripresa della pausa estiva, la Lega è diventata il gruppo più folto al Comune di Foggia: i due recenti ingressi di Paolo La Torre (ex Fi) e Raimondo Ursitti (ex DI) e il recupero di Alfonso Fiore, hanno portato il gruppo a ben 5 unità, superando Forza Italia. Fatta la Lega, tuttavia, bisognerà ora fare i leghisti, per parafrasare una celebre frase, ossia metterli in connessione, stabilirne una linea di azione ed un pensiero comune, anche rispetto alle prossime elezioni comunali: se il vicesegretario regionale Splendido, infatti, si lancia, tranchant, in chiusure a candidati sgraditi (leggi l'uscente Landella), Ursitti fa la tessitura diplomatica e Vigiano è costretto al passo indietro sul suo nome, un'ambizione che pure pare lo abbia accarezzato. Mentre Paolo La Torre annusa i nuovi compagni di viaggio e l'ambiente: convivere non sarà facile, i numeri lievitano, gli spazi disponibili restano sempre gli stessi. Le prossime settimane saranno una cartina di tornasole che restituirà anche i rapporti di forza interni al partiti, al netto degli incarichi ufficiali e di facciata. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento