rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Politica

Laura Boldrini torna a Foggia

Si parlerà del suo libro scritto insieme con la giornalista Eleonora Camilli e incentrato su quel percorso dei diritti che, nelle parole della stessa Laura Boldrini, anche se “accidentato, si può interrompere, ma non si ferma”

L'attuale presidente del Comitato permanente della Camera sui diritti umani nel mondo, già terza carica dello Stato eletta nel 2013, incontra il pubblico di Capitanata, prendendo parte a un evento organizzato dalla libreria Ubik e dal Polo Biblio-Museale di Foggia. Si parlerà del suo libro scritto insieme con la giornalista Eleonora Camilli e incentrato su quel percorso dei diritti che, nelle parole della stessa Laura Boldrini, anche se “accidentato, si può interrompere, ma non si ferma”. A condurre, la vicepresidente nazionale di Libera, Daniela Marcone. Introduzione a cura della direttrice della Biblioteca, Gabriella Berardi, e del direttore artistico della Ubik, Michele Trecca.

“I diritti non possono restare solo scritti sulla carta. Non basta averli inseriti in Costituzione o nelle leggi: non è lì che si chiude il percorso. Per renderli vivi, effettivi, bisogna dare loro applicazione completa. Devono diventare fatti: posti di lavoro, salari adeguati, asili nido, assistenza ospedaliera, giustizia rapida ed efficace, strutture scolastiche sicure, centri antiviolenza, protezione delle minoranze". Femminismo, diseguaglianze, migrazioni, antifascismo, discorsi d’odio e le tante battaglie per l’affermazione dei diritti umani e civili di tutte le persone: questo e molto altro in una conversazione tra una donna impegnata in politica e una giornalista esperta di diritti”.

Da presidente della Camera “ha caratterizzato il proprio mandato con azioni innovative su questioni sociali e di genere, disuguaglianze e periferie, risparmi e trasparenza. Ha istituito le due commissioni parlamentari su Internet e digitale e per il contrasto dei fenomeni di odio. Ha inoltre dedicato un forte impegno al rilancio del progetto europeo”. Eleonora Camilli è giornalista professionista e fa parte della redazione di Redattore sociale. Scrive per testate nazionali e internazionali, si occupa da anni di immigrazione, genere, diritti umani, civili e sociali.

“Si tende a pensare che estendere i diritti a chi non li ha implichi toglierli a chi li ha. Non è cosi. È vero, invece, il contrario: una società senza persone ingiustamente discriminate e oppresse è una società più giusta e sicura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laura Boldrini torna a Foggia

FoggiaToday è in caricamento