Ospedale Lastaria, Tatarella: “Al fianco di Lucera e dei Monti Dauni”

Difendere il Lastarìa significa difendere quel sano principio amministrativo che si chiama programmazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

La battaglia che la comunità lucerina e dei Monti Dauni sta facendo a difesa del suo presidio ospedaliero, minacciato di un irragionevole ridimensionamento dal cosiddetto piano di riordino della giunta Vendola, non può che vederci protagonisti di un convinto sostegno.

Non solo perché i locali esponenti di Futuro e Libertà hanno partecipato con convinzione e con grande sacrificio personale alla clamorosa iniziativa della sciopero della fame, non solo perché il rapporto fra il risparmio atteso e i prevedibili danni alla salute del territorio sono del tutto squilibrati, ma anche e soprattutto perché si pone una urgente questione di consapevolezza e di equità.

Nessuno può contestare lo squilibrio delle risorse oggi esistente fra l’assistenza per acuti e i servizi di territorio; né può essere derogabile o differibile l’esigenza di risparmiare il più possibile in un settore che è da tempo il tallone d’Achille della spesa pubblica regionale.

È però importante ragionare alla luce di criteri oggettivi: il nosocomio di Lucera non è solo e non è tanto al servizio della popolazione del centro svevo, ma è il centro gravitazionale di una vasta area montana con situazioni di viabilità altamente problematiche e del tutto priva di alternative.

La vasta area della Capitanata è da tempo distinta in tre macroaree, ossia il Gargano, il Tavoliere e i Monti Dauni. È ragionevole immaginare un sistema ospedaliero che preveda tre ospedali pubblici in una di queste tre macroaree e nessuno nelle altre due?

I Monti Dauni, fra l’altro, non possono contare nemmeno su una grande struttura “privata” come quella di Casa Sollievo della Sofferenza. Non pretendiamo di essere esperti di sanità: sappiamo però che procedendo a spizzichi e mozzichi non si va da nessuna parte.

Difendere il Lastarìa significa difendere quel sano principio amministrativo che si chiama  programmazione.

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento