Politica San Michele / Piazza XX Settembre

Landella candidato Presidente? La scelta non è vincolante per Longo e Agostinacchio

In un comunicato congiunto, i due dichiarano di non essere stati interpellati, come per le nomine degli assessori, sulla formazione delle liste e sulla designazione del candidato presidente alla Provincia

Prime spaccature sul fronte del centrodestra in vista delle ormai imminenti elezioni provinciali. Paolo Agostinacchio, dirigente nazionale e segretario regionale de “La Destra” (movimento fondato con Francesco Storace) e Bruno Longo, consigliere comunale di Foggia, eletto nella competizione ultima con un cartello promosso dal partito di Storace prendono le distanze rispetto ad un comunicato che prevede l’appoggio di “Destre Unite” a Franco Landella, candidato alla presidenza della Provincia.

In un comunicato congiunto, i due dichiarano: “Il consigliere comunale Bruno Longo ed il segretario regionale non sono stati affatto interpellati, come per le nomine degli assessori, sulla formazione delle liste e sulla designazione del candidato Presidente. Al fine di evitare equivoci si precisa che la dichiarazione del movimento politico Destre Unite non è assolutamente vincolante per Bruno Longo e per la segreteria regionale de La Destra. Costituisce evidentemente una manifestazione di intenti, sia pure non collegata ad espressioni politiche cui compete il diritto della scelta”.

Tale dichiarazione viene resa onde evitare che si creino confusioni inaccettabili. In particolare, Longo, protagonista delle elezioni in quanto consigliere comunale di Foggia, al pari del partito di Storace, auspica che la scelta del candidato Presidente non sia manifestazione autoreferenziale, ma il risultato di una condivisione sulla base di programmi ad oggi non manifestati. “La Capitanata ha bisogno di scelte politiche coerenti, che sono vanificate da incomprensibili fughe in avanti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Landella candidato Presidente? La scelta non è vincolante per Longo e Agostinacchio

FoggiaToday è in caricamento