Scilipoti inaugura il club ‘Forza Silvio’: ecco i simpatizzanti foggiani del senatore

Inaugurato in via Santa Maria della Neve il club del presidente Claudio Conte. Con il senatore di Forza Italia anche l'avvocato Antonio Pulcini. All'incontro sulle politiche ambientali assenti il sindaco e Morese

Scilipoti e il club Forza Silvio

Un dato incontrovertibile è che nella terra di Fitto e di Tarquinio, ora ci sono anche i simpatizzanti di Scilipoti. Ieri pomeriggio - accompagnato da Antonio Pulcini, suo braccio destro e noto avvocato romano - il senatore della Repubblica ha tenuto a battesimo il club ‘Forza Silvio’ di via Santa Maria della Neve e partecipato all’incontro sulle politiche di tutela ambientale svoltosi all’Hotel Cicolella, alla presenza di Lino Iorizzo e Claudio Conte, fondatori del gruppo scilipotiano in città.

Moderato dal dott. Antonio Bonaccorso, ad aprire il dibattito è stato l’insegnante ed ingegnere Bruno Giuva, che nel ripercorrere le tragedie dei bombardamenti del 1943, dei crolli di viale Giotto e di via De Amicis, e la morte di Francesco Saverio Positano, suo ex alunno caduto in guerra nel 2010, ha rimarcato il rispetto e l’orgoglio per la storia di Foggia, che “avrebbe bisogno di essere presa in mano per spingere i cittadini a caricarsi di autostima”.

Ad accogliere il ginecologo e ostetrico siciliano prestato alla politica (nelle file dell’Italia dei Valori prima ed ora con Forza Italia) c’erano una sessantina di persone, tra giovani, anziani, uomini e donne; professionisti e non. Con l’apertura del club Forza Silvio, sponda Scilipoti, si rafforza così la squadra dei forzisti in città. Ed è chiaro il messaggio lanciato dai nuovi esponenti del partito - non dichiarato ma percepito in sala - all’indirizzo del centrodestra e dell’amministrazione comunale: il classico, ma per nulla scontato “ci siamo anche noi”.

Appello rimarcato e poi rivolto - tra le righe - al sindaco Landella e all’assessore all’Ambiente, Francesco Morese, invitati ma non pervenuti. Assenza che ha creato un certo imbarazzo, ma che non ha svilito la forza e l’importanza dell’iniziativa. Ora, passi anche la plausibile giustificazione degli impegni istituzionali e personali, ma resta motivo di discussione il fatto che nessun rappresentante del governo cittadino abbia portato i saluti dell’amministrazione comunale al senatore forzista, oggi sul traghetto che lo porta alle Isole Tremiti per l’inaugurazione del primo club berlusconiano sul Gargano, insieme al presidente Luigi Pezzella e al vice Arnaldo Conte. E al gruppo foggiano composto dal presidente Claudio Conte,  dall'ingegnere Bruno Giuva tesoriere e dai consiglieri Antonio Bonaccorso e Maddalena Solomita.

L’on. Scilipoti – che nel suo corposo intervento ha rimarcato l’importanza delle riforme, richiamando però il premier Renzi a non avere fretta e a condividerle (Io sono per le riforme ma non per tirare fuori un aborto) - interpellato e sollecitato da Foggia Today sull’operazione Black Land, si è impegnato a portare sul tavolo del ministro dell’Ambiente la questione dei rifiuti campani interrati in provincia di Foggia, da alcuni giorni al centro di un dibattito in crescendo aperto dal deputato del PD, Michele Bordo, su chi, come e quando bonificherà i siti inquinati, sottolineando che “nel caso in cui non dovresse bastare andremo oltre”.

Poi, rivolgendosi ai suoi, il senatore di Barcellona Pozzo di Gotto eletto in Calabria e membro della commissione Sanità, ha aggiunto: “Bisogna amare di più la propria terra, trasferirla nelle sedi istituzionali e garantirla. I rifiuti dovrebbero essere ricchezza ed è un vero peccato che oggi vengano utilizzati per arrecare danni e inquinamento. Atteggiamento che porta a pensare che non ci siano idee chiare su come intervenire per trovare soluzioni e trasformare in positivo quello che abbiamo. Il problema non è solo di Foggia, ma nazionale. Si deve cambiare impostazione, trovare un nuovo paradigma che parli di rifiuti ma in maniera decisamente diversa da come è stato fatto finora”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’avv. Antonio Pulcini, protagonista di una interessante relazione su ‘Il punto di svolta, la macchina del mondo Newtoniana’. Dopo aver illustrato le proposte di legge del senatore siciliano, l’avv. Pulcini ha poi sottolineato i rischi provenienti dall’enorme mole di rifiuti spaziali di satelliti, piattaforme scientifiche e strumentazioni varie. Inquinamento spaziale che si traduce in inquinamento ambientale quando questi resti precipitano gradualmente sul nostro pianeta.

E sono proprio i temi legati all’Ambiente - come ha affermato Iorizzoad aver spinto un gruppo di persone (nel gergo giornalistico “gli scilipotiani”) a condividere le idee del senatore, al quale è stato chiesto di supportare le iniziative che giungeranno dalla sede di via della Neve. Questioni che verranno affrontate e portate all’attenzione del primo cittadino di Foggia. “Non saremo il solito circolo che apre e chiude, ma avvieremo dei progetti per i giovani, laureati e non” ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • Incidente stradale sulla Statale 89: auto perde il controllo e finisce contro un muro, a bordo tre persone

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

  • Domestica ruba denaro in casa, viene incastrata dalle telecamere e minaccia la proprietaria: "Stai attenta, non sai chi sono io"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento